MATRIMONIO IN OSPEDALE/ Era finito in coma il giorno delle nozze, adesso ha potuto dire sì

- La Redazione

Si è sposato dal letto dell’ospedale appena uscito dal coma in cui era caduto il girono stesso delle nozze. E’ successo a un operaio di Ancona sofferente di una malattia al fegato

ospedale_malato_rianimazioneR439
Immagine di archivio (infophoto)

Una malattia al fegato, ma aveva voluto sposarsi lo stesso. Purtroppo i sintomi sembravano indicare un aggravamento e il giorno delle nozze è caduto in coma. E’ un operaio di Ancona da una settimana circa ricoverato in terapia intensiva. Adesso le sue condizioni sembrano essere migliorate, è uscito dal coma, anche se i medici non hanno sciolto la prognosi, ma è stato sufficiente perché potesse dire quel sì che non aveva potuto dire il giorno previsto. Così tutto l’ospedale si è dato da fare per organizzare il rito civile in corsia: familiari, i testimoni, ma gli amici sono rimasti fuori della stanza. Venerdì primo agosto il sospirato sì.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori