EBOLA/ Genova, un caso sospetto: ricoverato un ingegnere originario della Sierra Leone

- La Redazione

Un ingegnere originario della Sierra Leone giunto a Genova nei giorni scorsi è stato ricoverato nel reparto malattie infettive per sospetto virus dell’Ebola ecco di cosa si tratta

ebola_usa_nuova_r439
Immagine di archivio

Torna la paura per il virus dell’Ebola. Ormai da mesi non se ne sentiva quasi più parlare dopo l’emergenza in Africa e le migliaia di morti. Giunge adesso la notizia che un ingegnere originario della Sierra Leone, uno dei paesi più colpiti dalla malattia, è  stato ricoverato nel reparto malattie infettive dell’ospedale San Martino del capoluogo ligure. Arrivato a Genova lo scorso 19 settembre era stato subito messo in regime di sorveglianza proprio per la sua provenienza da uno dei paesi più a rischio. In precedenza nei mesi scorsi si erano verificati due casi di Ebola in Italia, due operatori sanitari che avevano lavorato nei paesi colpiti dal virus. Tutti e due i casi si erano risolti con la guarigione. Da tempo nei paesi africani colpiti dalla malattia non si verificano più casi: secondo gli ultimi dati aggiornati si sono infatti verificati ultimamente solo tre casi, due in Guinea e uno in Sierra Leone.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori