TANGENTI/ Dario Lo Bosco ai domiciliari, arrestato il presidente di Rete ferroviaria italiana

- La Redazione

Agli arresti domiciliari il presidente di rete ferroviaria italiana e due dirigenti del corpo forestale della regione Sicilia: si tratterebbe di tangenti per vari servizi di ammodernamento

guardia-finanza
Immagine di archivio

Inchiesta tangenti in Sicilia, il caso riguarderebbe un appalto da 26 milioni di euro per l’aggiornamento della comunicazione della Guardia forestale siciliana. Non solo: nel corso delle indagine sono spuntate presunte prove di altre tangenti per pagare un progetto riguardante sensori che seguono la corsa dei treni. In questo modo si è arrivati a Dario Lo Bosco, presidente di Rete ferroviaria italiana e docente universitario, da oggi agli arresti domiciliari. Nell’inchiesta portata avanti dalla procura di Palermo anche due dirigenti del Corpo forestale regionale, Salvatore Marranca e Giuseppe Quattrocchi, arrestati per concussione e induzione indebita. Si parla di mazzette da 150mila e 90 mila euro per l’ammodernamento delle radiocomunicazioni delle torrette di avvistamento della forestale. Ma l’inchiesta sembra solo all’inizio e potrebbe coinvolgere molte altre persone.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori