Incidente stradale / San Stino, scontro tra due auto: morto un 41enne (Ultime notizie oggi 24 novembre 2016)

- La Redazione

Incidente stradale, Caorso: scontro nella notte sull’A21 in direzione Brescia. Bilancio di tre feriti, di cui uno grave (Ultime notizie oggi 24 novembre 2016) 

ambulanza_lapresse
Allarme meningite (LaPresse)

Incidente stradale mortale a San Stino, in provincia di Venezia, come riporta La Nuova di Venezia e Mestre. L’incidente stradale è avvenuto nella tarda serata di ieri lungo la strada provinciale Sp59, in località Contarina: a scontrarsi sono state due auto e nell’impatto è morto sul colpo Ivan Barusso, 41 anni, residente a Carpenedo di Mestre. L’altra auto è stata sbalzata fuori strada e alla guida c’era una donna di 28 anni di La Salute di Livenza: la giovane è rimasta ferita anche se in maniera non grave ed è stata trasportata all’ospedale di Portogruaro. Sul luogo dell’incidente stradale sono intervenuti i vigili del fuoco e personale del Suem di Portogruaro e i carabinieri di San Stino. A causa dell’incidente stradale la strada provinciale è rimasta chiusa per ore.

E’ avvenuto un incidente stradale stanotte sull’allacciamento del raccordo A1-A21 Brescia e lo svincolo di Caorso, in provincia di Piacenza, in direzione Brescia. Secondo quanto riportato da Piacenzasera.it, l’incidente stradale è avvenuto al chilometro 176: a scontrarsi sono stati due veicoli, un’automobile e un furgone, che viaggiavano in direzione Brescia. Secondo una prima ricostruzione di quanto avvenuto sembra che si sia trattato di un tamponamento. L’auto si sarebbe infatti ribaltata lungo la carreggiata e sarebbe stata poi investita dal furgone. Il bilancio dell’incidente stradale è di tre feriti: le due persone che viaggiavano a bordo dell’auto e il conducente del furgone. Tutti e tre sono stati trasportati in ospedale: sembrano gravi le condizioni del guidatore dell’auto, che ha riportato lesioni serie nell’incidente stradale. Sono ancora da accertare le cause che avrebbero provocato il ribaltamento dell’auto.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori