PADRE GRAZIANO / News, Guerrina Piscaglia: il frate si difende dopo la sentenza di condanna (La vita in diretta, oggi 15 dicembre 2016)

- La Redazione

Padre Graziano, ultime news: il frate accusato in primo grado dell’omicidio di Guerrina Piscaglia intervistato dalla trasmissione La vita in diretta, ecco le sue parole.

padregraziano
Padre Graziano
Pubblicità

, il frate congolese condannato a 27 anni di carcere per il delitto di Guerrina Piscaglia, è tornato a parlare nel corso di una intervista rilasciata a La vita in diretta nella giornata odierna. Il religioso ha commentato la sentenza a suo carico, dicendosi preparato moralmente. A sua detta, la voce del presidente della Corte tremava e non guardava nessuno negli occhi: “Non era frutto della sua volontà”, ha commentato il frate. “Sono consapevoli che non c’entro nulla”, ha ribadito. A conferma di ciò, il frate rivela di aver deciso insieme al suo avvocato di portare le telecamere in aula nel corso del processo, ma la richiesta sarebbe stata rigettata, “perché sapevano che i testimoni avrebbero detto delle cose, hanno nascosto le cose per poter dire la sentenza”. A detta di Padre Graziano, dunque, il popolo italiano sarebbe stato preso in giro. “Se è viva che esce o se qualcuno l’ha sequestrata che questa persone abbia la volontà di esprimersi un giorno”, ha confidato Padre Graziano nel corso dell’intervista. Oggi ammette di stare bene ma di pensare spesso alla sua “sorella” Guerrina Piscaglia. Poi, il frate ha lanciato delle accuse importanti: “Noi vogliamo sapere dov’è il cadavere della nostra sorella, ma devono parlare gli altri”, dice. A detta del frate, a Ca’ Raffaello ci sarebbero persone che saprebbero molto di più rispetto a lui e molti familiari della donna scomparsa crederebbero alla sua innocenza. Il prete, oggi ai domiciliari, rivela e ribadisce con forza i tentativi di Guerrina, effettuati in passato, di scappare di casa, sebbene il marito Mirko Alessandrini, presente nello studio della trasmissione La vita in diretta, ha smentito le sue dichiarazioni. L’accento si è poi spostato sui famosi sms che avrebbero contribuito ad incastrare Padre Graziano: l’uomo ha ammesso di non aver visto la donna il primo maggio di due anni fa, quando di Guerrina si persero le tracce. Inoltre, smentisce di essere stato l’autore dei messaggi inviati anche alla madre di Mirko: “Io non ho mai avuto il suo numero, come potevo inviare messaggi?”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori