ADDIO OBBLIGO DI FEDELTÀ NEL MATRIMONIO / Il discusso ddl: “Visione superata” (Pomeriggio 5, oggi 16 dicembre 2016)

- La Redazione

Addio obbligo di fedeltà nel matrimonio, la discussione sul ddl assegnato alla commissione giustizia del Senato nel corso della trasmissione Pomeriggio 5.

Pomeriggio_5_r439_Facebook
Pomeriggio 5
Pubblicità

Nella nuova puntata di Pomeriggio 5, l’ultima dell’anno, si parlerà di matrimoni ma anche di uno dei disegni di legge tra i più discussi presentati lo scorso febbraio e relativo all’eliminazione dell’obbligo di fedeltà. Il ddl in questione è ora stato assegnato alla commissione giustizia del Senato e potrebbe portare ad una vera e propria rivoluzione dell’istituto del matrimonio. Come riporta Il Mattino, il testo del decreto si avvale di un unico articolo che mirerebbe a modificare drasticamente l’art 143, comma 2 del codice civile basato proprio sull’obbligo di fedeltà dei due coniugi. Secondo i firmatari del decreto legge, tuttavia, questo obbligo rappresenterebbe di fatto una visione ormai antica e del tutto superata del matrimonio, ma anche della famiglia e dei diritti e doveri di entrambi i coniugi. La prima firmataria di questo disegno di legge è la senatrice Pd, Laura Cantini, che ha ribadito come un primo passo avanti verso l’addio dell’obbligo di fedeltà nel matrimonio è stato compiuto con la recente approvazione unioni civili. A sua detta, queste ultime rappresenterebbero un modello avanzato che dovrà essere recepito dal codice civile. Non a caso, nella legge Cirinnà è venuto meno, nel testo, il requisito della fedeltà sessuale della coppia, definita un’esclusiva del matrimonio tradizionale. Del tema se ne occuperà oggi anche Barbara d’Urso nel corso della sua trasmissione Pomeriggio 5. Nell’anticipare lo spazio dedicato al tema, ha manifestato un certo disappunto a quanto sostenuto dai firmatari del ddl, asserendo: “Visione ormai superata della coppia? Ma se il mio uomo mi tradisce gli taglio tutti i quanti i vestiti a fettuccine!”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori