ATTENTATO ISTANBUL OGGI / Diretta streaming video: sopravvissuti alla strage anche alcuni giovani italiani (Capodanno 2017, ultime notizie 1 gennaio)

- La Redazione

Istanbul attentato Capodanno 2017. Diretta streaming video, sparano in discoteca: decine i morti in Turchia. Spari davanti a moschea con almeno due feriti. Ultime notizie, 1 gennaio

germania_attentato_berlino1R439
Immagini di repertorio (Foto: LaPresse)

Nessun italiano figura tra le vittime dell’attentato di Istanbul, ma nel nightclub Reina, dove sono state uccise almeno 39 persone, c’era anche un gruppo di giovani italiani. Stando a quanto riportato dall’emittente locale modenese Trc-Telemodena, questo gruppo che stava festeggiando il Capodanno 2017 è riuscito a scampare alla strage lanciandosi a terra dopo i primi spari nel locale. Alcuni di loro avrebbero riportato lievi escoriazioni nella calca. Si tratta di tre modenesi e amici di Brescia e Palermo, in Turchia per lavoro. Le autorità intanto parlano di un solo attentatore, ma – come evidenzia La Stampa – alcuni media citano testimoni secondo cui potrebbero essere coinvolte più persone. Una delle superstiti dell’attentato di oggi, la dottoressa Alaa Abdalahi, ha confermato alla tv israeliana Canale 2 che gli spari sono stati accompagnati da grida di “Allah Akbar”. «Non saprei dire se l’accento era particolare. Sono stati momenti molto concitati» ha dichiarato Alaa Abdalahi. Clicca qui per seguire tutti gli aggiornamenti sulla situazione a Istanbul grazie alla diretta della Cnn turca!

L’attentato di Istanbul ha sconvolto il mondo nella notte di Capodanno 2017. Almeno trentanove persone hanno perso la vita e tra questi quindici erano stranieri. Sul suo profilo di Twitter ha parlato anche il Ministro degli Esteri Angelino Alfano che ha sottolineato: “La tragedia di Istanbul ci ricorda che la lotta contro il terrore non conosce né feste, pause, paesi o continenti. Serve unità ad ogni costo” e ancora: “Le lacrime non bastano, dobbiamo continuare a lottare contro il terrore. Combattere insieme per difendere la nostra libertà”, clicca qui per i tweet di Angelino Alfano. Situazioni veramente complicate che anche se non ci riguardano da vicino ci toccano in maniera indiretta e ci fanno temere per il futuro del nostro paese e per quello dell’Europa. Staremo a vedere quello che accadrà nelle prossime ore e se arriveranno delle novità in merito.

E’ successo tutto ad Istanbul nella notte del Capodanno 2017 dove sono stati uccisi ben trentanove uomini e feriti sessantanove come racconta IlPost.it. Il quotidiano online sottolinea anche come sia entrato nella discoteca il Reina del quartiere Besiktas di Istanbul un uomo vestito daBabbo Natale che ha ucciso prima un civile e poi un poliziotto fuori dal locale. L’uomo ha usato un’arma a canna lunga come sottolineato dal governatore di Istanbul Vasip Sahin. Questi ha rivelato inoltre che l’uomo è ancora ricercato dalla polizia e che è scappato senza lasciare traccia di sè. Inoltre l’attentato non sarebbe stato rivendicato da nessuno, lasciando ancora dubbi sul motivo di questa ennesima e insensata ondata di violenza. Staremo a vedere quali saranno gli aggiornamenti nelle prossime ore.

Si temeva anche in Italia una notte di Capodanno a rischio attentati, a Roma e Milano specialmente, e se invece nel nostro Paese la mezzanotte è passata senza conseguenze, purtroppo in Turchia non è andata così. A Istanbul infatti la follia è tornata a colpire anche se non ci sono certezze sui colpevoli e su quale fosse l’obiettivo. Fatto sta che c’è stato nella notte un attacco armato in una delle località più esclusive del Paese, a Istanbul, presa di mira una discoteca Reina che si trova nel quartiere Besiktas reso noto dalla squadra di calcio in tutto il mondo. Secondo quanto riportato dalle agenzie internazionali, pare che gli aggressori fossero travestiti da Babbo Natale e siano entrati in discoteca sparando sui presenti, con i media turchi che parlano di 35 morti e di almeno sessanta feriti. Gli agenti armati poi hanno circondato la zona per preparare quella che sarà probabilmente un’irruzione armata. Nelle prossime ore sicuramente arriveranno maggiori aggiornamenti su quanto accaduto. E’ certo però che la situazione in Turchia dopo questo ennesimo attentato resta molto delicata, in un momento in cui si discute una riforma costituzionale che potrebbe mettere potere esecutivo, legislativo e giudiziario nelle mani di un solo uomo, Erdogan, trasformando di fatto un paese da una giovane democrazia in un nuovo e potente stato autoritario alle porte dell’Europa.

Il rischio di attentati a Capodanno in Italia è concreto, il timore è molto più che fondato e non riguarda solo Roma e Milano: stando a quanto riportato da Il Tempo, l’intelligence internazionale avrebbe notificato il rischio che alcuni foreign fighters siano in partenza o già nel nostro Paese per compiere atti terroristici. L’indiscrezione è lanciata anche da Il Giornale, secondo cui desta sospetti il furto di due taxi a Roma. Potrebbero essere utilizzati per mettere a segno alcuni attentati, visto che in precedenti attentati compiuti all’estero sono stati utilizzati come mezzi di trasporto. C’è preoccupazione anche per il furto avvenuto tra il 18 e il 19 dicembre di otto automobili, tra Dacia e Renault, con altrettante targhe, nella zona di Roma Sud. Gli investigatori considerano sospette le circostanze di questi furti. Da qui la decisione di emettere una circolare di allerta per rafforzare il controllo su obiettivi sensibili come ristoranti, centri commerciali e musei.

Allerta terrorismo in Italia e quindi sarà blindato il Capodanno 2017 per molte città del nostro Paese. Importanti misure di sicurezze sono state predisposte a Roma e Milano, ma i controlli sono stati rafforzati anche a Firenze in tutte le sue piazze. Il sindaco Dario Nardella ha predisposto prescrizioni precise per Piazzale Michelangelo, dove si terrà il concerto di Marco Mengoni, e ha invitato la gente a non portare con sé botti o oggetti contundenti, perché non saranno ammessi. Rigidi controlli anche a Torino: la Questura li ha previsti per assistere al concerto di piazza San Carlo e quindi ha disposto l’impiego di metal detector portatili ai cinque varchi della piazza. L’area comunque sarà protetta da barriere anti-sfondamento. Un drone hi-tech volerà, invece, sul cielo di Bologna. A Palermo, invece, venti cecchini sorveglieranno le zone rosse attorno a piazza Giulio Cesare e al Politeama, dove si terranno i due concerti di Capodanno.

Il rischio terrorismo è alto in Italia, quindi il Capodanno sarà blindato. Il ministro dell’Interno, Marco Minniti, non ha dubbi e assicura che la guardia è altissima e che il sistema di sicurezza è in grado di garantire la massima tranquillità a tutti gli italiani nell’ultimo giorno del 2016 e nel primo del nuovo anno. Sono stati spiegati diversi piani di sicurezza in tutte le città italiane, in particolare a Roma, che insieme al Vaticano è nel mirino della propaganda Isis. Grande impegno in termini di prevenzione antiterrorismo nella Capitale: in campo anche tiratori scelti, pattuglie a cavallo e poliziotti in bicicletta. Il dispositivo è completato da pattuglie a piedi e dalla polizia fluviale che sorveglierà la città dal Tevere. Un consistente afflusso di persone è previsto al Colosseo e al Circo Massimo, osservati speciali. Sono state allestite anche fioriere antisfondamento e sono previsti controlli di polizia con metal detector.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori