Aumento multe stradali 2017 / Da oggi 1° gennaio scattano i rincari per gli automobilisti

- La Redazione

Aumento multe stradali 2017, da oggi 1° gennaio scattano i rincari per gli automobilisti: ecco quali sono le sanzioni amministrative interessate. Ultime notizie

traffico_autostrada_polizia
Treviso, ubriaco al volante: assolto - Foto La Presse

Scatta da oggi 1 gennaio 2017 l’aumento delle multe stradali. Il rincaro riguarderà le sanzioni amministrative pecuniarie per le violazioni al Codice della Strada. Si tratta, specifica la Polizia di Stato, di un adeguamento a causa dell’aumento dell’indice dei prezzi al consumo pari allo 0,1%. L’aumento delle multe stradali riguarderà solo gli importi che oggi sono uguali o superiori a 500 euro. Infatti il Codice della Strada dispone che “l’aumento sia arrotondato all’unità di euro, per eccesso, solo se la frazione decimale risultante dall’applicazione della percentuale di incremento è pari o superiore a 50 centesimi di euro”. Non aumenteranno invece “le sanzioni amministrative pecuniarie introdotte o modificate da norme che sono entrate in vigore da meno di due anni. In particolare, perciò, quelle risultanti dalla depenalizzazione del reato di guida senza patente”. L’aumento delle multe stradali 2017 è quindi dovuto all’adeguamento biennale delle sanzioni per violazione del Codice della Strada all’inflazione. Il rincaro non sarà tuttavia pesante e riguarderà solo alcune tipologie di multe.

Inizio di anno amaro per gli automobilisti per i quali scatta oggi l’aumento delle multe stradali. Non saranno però tutte sanzioni per violazione del Codice della  Strada a subire i rincari. Come spiega Studio Cataldi, sito di informazione legale, non tutte le multe di importo elevato aumenteranno da oggi 1 gennaio 2017: “alcune di esse, infatti, hanno fatto il loro ingresso nel codice a seguito della depenalizzazione di inizio 2016 con la conseguenza che, per questo turno, non saranno toccate dall’adeguamento. Si tratta, in particolare, dei casi di guida senza patente o di guida con licenza di categoria inferiore a quella che il veicolo richiede”. Le sanzioni interessate dall’adeguamento a causa dell’aumento dell’indice dei prezzi al consumo saranno comunque solo quelle amministrative e non penali, mentre non subiranno alcuna modifica gli importi richiesti in caso di guida in stato di ebbrezza (media o grave) e di guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori