Cuore su Facebook & Whatsapp / Cosa sono? La nuova campagna di sensibilizzazione per il tumore al seno. L’iniziativa a Seregno (oggi 11 gennaio 2017)

- La Redazione

Cuore su Facebook & Whatsapp, news: spuntano sulle bacheche del noto social network i cuori, per la campagna di sensibilizzazione per il tumore al seno (oggi 11 gennaio 2017)

facebookwhatsapp
WhatsApp e Facebook

E’ la settimana della sensibilizzazionealla prevenzione del tumore al seno e sulle bacheche di Facebook oltre che su Whatsapp sono stati lanciati numerosissimi cuori proprio per dare sostegno a chi vive una situazione di grande difficoltà ma soprattutto per una lotta alla prevenzione che è considerata fondamentale. Sono tanti anche gli eventi organizzati in giro per l’Italia. Per esempio il Comune di Seregno ha indetto un meeting per martedì 24 gennaio 2017 dalle ore 16 alle 18 nella Sala Comunale Monsignor Gandini. Queste sono azioni atte alla prevenzione proprio in favore delle donne per una campagna che viene rinominata ”Seno sano”. Sicuramente è un momento importante per cercare di far capire come in questo campo sia davvero molto importante la prevenzione. Clicca qui per la locandina e per i commenti dei follower.

Questa mattina aprendo Facebook tutti si sono accorti dei numerosi cuori presenti sulle bacheche del popolo femminile, in riferimento ad una catena che parla della sensibilizzazione alla prevenzione del tumore al seno. Come ogni iniziativa che si rispetti nono sono mancate ovviamente le polemiche: diversi utenti hanno parlato di una campagna obsoleta, che mira soltanto a far circolare una catena senza senso, altri invece hanno deciso di inserire il cuore in bacheca senza commenti per cercare di portare avanti la sensibilizzazione (visto che il concetto sembra essere chiaro a tutti sul noto social network). Altri utenti hanno posto l’attenzione sulla mancata segnalazione della settimana della prevenzione del tumore al seno direttamente dalla Lilt (Lega italiana per la lotta contro i tumori) dalla quale partono ufficialmente le campagne di sensibilizzazione. L’ultima infatti risale alla settimana dal 13 al 21 marzo 2016, le polemiche cominciano a prendere il volo.

Un cuore sulla bacheca per ricordare alle donne che il tumore al seno si può prevenire. Un messaggio segreto rivolto a tutte le donne, per ricordare quanto sia importante la campagna di sensibilizzazione. Questo messaggio arriva in forma privata sotto forma di catena ma non è la prima volta che questo gira su Internet: il tumore al seno colpisce una donna su otto nell’arco della vita, è il tumore più frequente nel sesso femminile, visto che rappresenta il 29% del male che colpisce la donna. Il tumore al seno ha il tasso di mortalità del 17% , le campagne di sensibilizzazione invitano tutte le donne a sottoporsi alle dovute visite mediche per prevenire questa forma di male, per la diagnosi precoce di un tumore al seno che potrebbe poi salvare la vita di molte donne. Il cuore su Facebook ricorda in qualche modo il senso della prevenzione, fare i dovuti controlli può salvare davvero la vita.

Da qualche ora Facebook è invasa dai cuori, postata dalle donne sulle bacheche del nuovo social network. Un solo cuore, senza alcun commento, molti si sono chiesti il significato di questo simbolo che sta spopolando su Facebook. “Ciao, puoi mettere un cuore sulla tua bacheca, senza commenti, solo un cuore, poi invia questo messaggio ai tuoi contatti femminili, dopo aver messo un cuore sulla bacheca della persona che ti ha inviato questo messaggio. Se qualcuno ti chiede perché hai tutti questi cuori in bacheca non rispondere. È per le donne, per ricordare la settimana di prevenzione per il cancro al seno. controlla il tuo seno! Tieni il tuo dito premuto sul messaggio e premi “inoltra” è questo il messaggio arrivato a milione di donne per la campagna di sensibilizzazione che serve a ricordare alla donna quanto sia importante la prevenzione del tumore al seno. Tutte le donne che riceveranno questo messaggio in chat privata dovranno poi inserire il proprio cuore sulla bacheca di Facebook per far parte di questa nuova campagna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori