SAN BERNARDO DA CORLEONE/ Santo del giorno, il 12 gennaio si celebra san Bernardo da Corleone

- La Redazione

San Bernardo da Corleone, è il santo che viene celebrato nella giornata di oggi, giovedì 12 gennaio 2017, dalla chiesa cattolica. Il suo vero nome è Filippo Latino, la sua storia

croce_santo_r439
Immagine presa dal web

Il 12 gennaio di ogni anno, stando a quanto riportato nel calendario martirologio romano, la chiesa cattolica cristiana festeggia e ricorda la figura di san Bernardo da Corleone che nella vita terrena si è messo in luce per essere stato un fervente religioso sempre pronto ad aiutare i più bisognosi. San Bernardo il cui vero nome è Filippo Latino è nato nella cittadina di Corleone nei pressi di Palermo il 6 febbraio del 1605 in una famiglia di umili origini e piuttosto timorata di Dio. Cresciuto in un ambiente spiccatamente religioso, ben presto nel cuore di san Bernardo ebbe modo di crescere la vocazione religiosa che lo portò ad indossare l’abito di cappuccino. Una vocazione che tuttavia nacque dopo un duello all’ultimo sangue che vide protagonista san Bernardo con un uomo del luogo il cui nome sembra essere stato Vito Canino. Dopo questa conversione san Bernardo si occupò esclusivamente di questioni religiose dando aiuto a quanti ne necessitavano. Una leggenda racconta che durante il periodo nel quale san Bernardo ebbe modo di stare nel monastero di Bivona, dovette fare i conti con una terribile epidemia influenzale che praticamente colpì tutti i fratelli presenti nella struttura. San Bernardo aveva il ruolo di infermiere ma ad un certo punto, stando a contatto con gli ammalati, contrò anche lui il virus. L’influenza su di lui si manifestò in maniera assai violenta tant’è che lo rese in fin di vita. San Bernardo allora prese dal tabernacolo della chiesa la statuetta di San Francesco nascondendola nella manica del propri saio e rivolgendosi al santo di Assisi, fece presente che sarebbe rimasto lì fino a che non sarebbe guarito visto che lo stesso san Bernardo era indispensabile per curare gli altri fratelli. Sembra che il mattino seguente l’influenza sparì miracolosamente. San Bernardo è morto nel 1667 ed è stato canonizzato nel giugno del 2001 da Papa Giovanni Paolo II. 

Corleone è una cittadina di circa 11 mila abitanti della provincia di Palermo, tristemente nota per aver dato i natali ad una serie di boss malavitosi come Totò Riina, Loeluca Bagarella, Giuseppe Morello, Luciano Liggio, Bernardo Provenzano, Vito Ciancimino e Michele Navarra. Tuttavia ha dato i natali anche a personaggi illustri come il patriota Francesco Bentivegna, Gaetano Sangiorgi Senatore del Regno d’Italia, l’artista Giuseppe Vasi,il regista Michele Lupo e del pittore Pippo Rizzo. Corleone tuttavia è anche una cittadina dall’importante patrimonio artistico e culturale come del resto testimoniano alcune palazzi e monumenti come la Chiesa di Sant’Agostino, il Santuario della Madonna del Rosario di Tagliavia,il Palazzo di Città sede del Municipio, il Palazzo nobiliare di via san Martino e il Ponte arabo delle due Rocche. 

Il giorno del 12 gennaio il calendario martirologio romano oltre a san Bernardo ricorda e commemora altre figure molto importanti del cristianesimo come sant’Arcadio, san Tigrio, san Eutropio, santa Cesaria, san Ferreolo, san Benedetto Biscop, sant’Alredo, san Martino della Santa Croce, santa Margherita Bourgeoys, il beato Antonio Fournier, il beato Pietro Francesco Jamet ed il beato Nicola Bunkerd Kitbamrung.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori