FALLA IN WHATSAPP? / Guardian accusa: backdoor nell’app di messaggistica. Ma è una gaffe: la funzione è nota e sicura (Oggi, 14 gennaio 2017)

- La Redazione

Falla in Whatsapp? Guardian accusa: backdoor nell’app di messaggistica. Ma è una gaffe: la funzione è nota e sicura. Le ultime notizie di oggi, 14 gennaio 2017, e tutti gli aggiornamenti

facebookwhatsapp
WhatsApp e Facebook

WhatsApp ha deciso di rispondere alle accuse del Guardian, secondo cui ci sarebbe una falla nell’applicazione. L’azienda di Jan Koum avrebbe inserito una backdoor per permettere a Facebook e ai governi di spiare i messaggi degli utenti. WhatsApp ha replicato con un comunicato ufficiale, smentendo quanto dichiarato dal Guardian: «Abbiamo sempre combattuto tutte le richieste dei governi di creare una backdoor», ha dichiarato l’azienda americana che ha bollato come false le accuse ricevute. La notizia lanciata dal Guardian era stata già indirettamente smentita da Gizmodo e da altri esperti di sicurezza, i quali su Twitter hanno definito “ridicolo” il rapporto della testata. Tra loro anche Frederic Jacobs, che recentemente ha lavorato in Apple (clicca qui per il suo tweet). Quella che il Guardian ha definito come una backdoor è in realtà una modalità già conosciuta per sfruttare i sistemi di messaggistica criptati e la funzione è proprio quella di garantire che l’utente non perda i messaggi nel caso in cui il cellulare sia spento. Le chat non hanno alcuna backdoor che può essere forzata dai governi, è uno strumento per impedire di perdere milioni di messaggi. «La scelta progettuale a cui fa riferimento l’articolo del Guardian impedisce a milioni di messaggi di essere persi, e WhatsApp offre notifiche di sicurezza che avvertono di potenziali rischi» aggiunge l’azienda nel comunicato. L’allarme, dunque, può rientrare: WhatsApp è sicuro, mentre il Guardian deve fare i conti con le critiche dei suoi lettori. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori