LANFRANCO CHIARINI / News, l’avvocato del presunto assassino: “È presto per dire se sia responsabile dei fatti” (Oggi, 15 gennaio 2017)

- La Redazione

Lanfranco Chiarini ultime notizie: arrestato un nigeriano, forse l’amante della vittima. L’anziano sarebbe stato ucciso con 25/30 coltellate (oggi, 15 gennaio 2017).

carcere_poliziapenitenziariaR439
Immagini di repertorio (Lapresse)

Avrebbe un nome e un volto l’assassino di Lanfranco Chiarini, l’imprenditore 76enne ucciso a coltellate nella sua villa di Castel San Pietro lo scorso 3 gennaio. Si tratterebbe del 24enne nigeriano Desmond Newthing, richiedente asilo in Italia poiché perseguitato nel suo Paese per essere gay. Secondo il sito laprimapagina.it, l’omicidio sarebbe avvenuto dopo un appuntamento tra i due a sfondo sessuale. Ancora presto per dirlo, dal momento che il presunto assassino si è avvalso della facoltà di non rispondere. A parlare è invece stato il suo legale, l’avvocato Andrea Speranzoni, il quale a Il Resto del Carlino ha rivelato l’enorme turbamento da parte del suo assistito. “Ha passato molto tempo durante il colloquio manifestando disperazione”, ha spiegato l’avvocato. Su di lui sarebbero state rinvenute diverse ecchimosi e una ferita da taglio molto profonda nella mano destra. “È presto per dire se sia responsabile dei fatti che gli vengono addebitati e per poter dire se si trovava nell’appartamento della vittima al momento del fatto”, ha aggiunto il suo avvocato. Tra la vittima e il presunto assassino, inoltre, sarebbero emersi numerosi contatti telefonici che confermerebbero la conoscenza tra i due.

Potrebbe essere giunto ad una svolta l’omicidio misterioso di Lanfranco Chiarini, il noto imprenditore 76enne della provincia di Bologna, ucciso nella sua abitazione a Castel San Pietro, lo scorso 3 gennaio. Ad incastrare il suo presunto assassino, il 25enne nigeriano Desmond Newthing, secondo Bolognatoday.it sarebbero le riprese di alcune telecamere. Queste immagini, incrociate con i dati dei tabulati telefonici e delle celle agganciate, avrebbero portato i Carabinieri al nigeriano, richiedente asilo e ospite in una struttura. L’uomo era giunto in Italia alcuni anni fa, nel 2015 e risulterebbe con regolare permesso di soggiorno rilasciato per motivi umanitari in scadenza il prossimo giugno. Dalle immagini il nigeriano sembra passeggiare per strada, mentre si starebbe dirigendo verso la fermata di un autobus dopo aver abbandonato l’auto di Lamberto Chiarini in una traversa di Via Emilia. Stando alle testimonianze degli operatori del centro di accoglienza nel quale il presunto assassino era ospite, il 25enne era definito un ragazzo “preciso”.

Arrestato il presunto assassino di Lanfranco Chiarini, l’imprenditore 76enne di Palesio, in provincia di Bologna. Si tratta di Desmond Newthing, un nigeriano di 25 anni ospite presso il centro d’accoglienza Lai Momo, di Castenaso. In base all’autopsia la vittima è stata colpita con 2530 coltellate, mentre si trovava nella propria abitazione. I numerosi colpi d’arma bianca hanno interessato braccia, collo e spalle: gli inquirenti suppongono che abbia usato un coltello da cucina preso nella stessa casa dell’anziano. Secondo le prime indiscrezioni, sembra che il nigeriano si fosse introdotto nell’abitazione con l’intenzione di derubare Lanfranco Chiarini, subito sfatata da indizi successivi. Gli inquirenti sono infatti dell’opinione che l’assassino conoscesse bene la vittima e che durante un incontro sarebbe nata la lite che è infine sfociata in omicidio. A supporto di questo particolare diverse telefonate che la vittima avrebbe scambiato con il suo aguzzino, anche il giorno stesso in cui l’imprenditore è stato ucciso. Secondo le autorità, inoltre, il delitto sarebbe avvenuto per un raptus del momento e non ci sarebbe stata quindi premeditazione. I due, sottolinea La Repubblica, avrebbero consumato un rapporto sessuale poco prima dell’0micidio. Desmond Newthing è stato inoltre fermato a Rimini, località che ha raggiunto subito dopo il folle gesto. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori