Arrow 5 / Anticipazioni puntate 24 e 17 gennaio 2017: episodio 5×04, Penitenza

- La Redazione

Arrow 5, anticipazioni puntata 24 e 17 gennaio 2017, Oliver sarà impegnato con Lyla, la moglie di Diggle: proprio quest’ultimo, infatti, avrà bisogno di aiuto…

arrow5_facebook
Supergirl, The Flash e Arrow

Il vigilante di Starling City non si ferma mai: la quinta stagione di Arrow è pronta a tornare in scena il prossimo martedì, 24 gennaio, con il quarto episodio intitolato “Penitenza”. Oliver sarà impegnato con Lyla, la moglie di Diggle: proprio quest’ultimo, infatti, avrà bisogno di aiuto, in una missione che sembra decisamente molto pericolosa. Felicity non sarà affatto contenta quando verrà a sapere che cosa hanno in mente i due, ma rimarrà come sempre alla base. Mentre Oliver e Lyla saranno lontani, purtroppo, la città di Arrow non rimarrà priva di minacce: dal passato sbucherà la vecchia conoscenza Tobias Church e Felicity dovrà capire se mandare sul campo, e da soli, i nuovi componenti del team Arrow. Come andrà a finire?

Nella seconda serata di oggi, martedì 17 gennaio 2017, Italia 1 trasmetterà un nuovo episodio di Arrow 5, in prima Tv assoluta. Sarà il terzo, dal titolo “Una questione di fiducia“. Prima di scoprire le anticipazioni, ecco dove siamo arrivati la settimana scorsa: durante un evento pubblico, Oliver (Stephen Amell) decide di ottenere le sovvezioni della AmerTek per la propria amministrazione. Il rapporto con la stampa è tuttavia qualcosa che non riesce a gestire ed anche Thea (Willa Holland) non è di certo entusiasta di occuparsene. Quando le rivela di aver formato un nuovo team, le dà però l’idea di fare altrettanto per il lavoro. La prima chiamata che fa è diretta a Quentin (Paul Blackthorne), a cui propone di assumere il controllo della sicurezza del Sindaco. Più tardi, Green Arrow inizia l’addestramento con Wild Dog (Rick Gonzalez), Evelyn Sharp (Madison McLaughlin) e Curtis (Echo Kellum), ma decide di non mostrare loro il suo vero volto perché crede di non potersi fidare. Esattamente come Anatoly (David Nykl) fece in passato con lui, Arrow affida loro il compito di superarlo per poter suonare una campanella che si trova alle sue spalle. Dopo le prime battute, Rene inizia a contestare l’efficacia di quell’addestramento, ma Arrow gli rivela che in realtà il vero scopo è capire che cosa rappresenta quel preciso esercizio. Nel passato, Oliver ed altri uomini affrontano l’addestramento della Bratva, ma nessuno di loro riesce anche solo a muovere qualche passo. Nel presente, la città entra nel caos quando Ragman (Joe Dinicol), un metaumano, attacca direttamente l’executive della AmerTek durante un evento pubblico. Vedendo la minaccia in corso, Wild Dog decide di intervenire, disattendendo un preciso ordine di Arrow. Questo non fa che mettere ancora più distanze fra il Giustiziere e le reclute. Queste ultime decidono quindi di lasciare Arrow perché non si fidano di lui, posizione che prende anche Curtis, con estrema delusione. Nel passato, Oliver decide di stringere un’alleanza con le altre reclute per arrivare alla meta e suona la campanella, ma Anatoly ordina che il resto del gruppo viene sterminato. Gli rivela in un secondo momento che in realtà potrà fidarsi sempre e solo di se stesso, manifestando anche la propria ammirazione nel vedere che ha saputo sfruttare i compagni a proprio vantaggio. Nel presente, Oliver decide di rivelare la propria identità al gruppo, riuscendo a ricucire i rapporti. Ha anche modo di incontrare Ragman, conoscere il suo desiderio di vendetta contro la AmerTek e decide di reclutarlo nella squadra. Prometheus (Michael Dorn) invece appare a Church (Chad L. Coleman) e gli impone di lasciare perdere Arrow, perchè il compito di ucciderlo spetta a lui.

Green Arrow inizia ad indagare su una nuova droga che è stata messa in circolazione in città, la stardust. Anche se ha dato modo al team di ottenere parte della sua fiducia, non crede tuttavia che le reclute siano ancora pronte per combattere il crimine nelle strade. Rene ed Evelyn invece si mettono d’accordo per fare un raid ad un magazzino di Derek Sampson, in cui viene creata la stardust. Il loro intervento va male anche questa volta ed in più Sampson ottiene alcune capacità sovrumane, come il non sentire il dolore ed una forza senza pari. Quando Oliver scopre che cos’è successo dal Procuratore distrettuale, si convince che alla fine i suoi timori siano corretti: non si può fidare delle reclute. Felicity gli consiglia invece di accettare il nuovo team così com’è ed in seguito Arrow decide di collaborare con le reclute per la cattura di Sampson, che nel frattempo sta creando dei superuomini. Oliver decide anche di dare un piccolo riconoscimento a Thea, appoggiando in pubblico la sua scelta di dare un ruolo importante a Quentin nell’amministrativo. Più tardi, Oliver scoprirà però che John Diggle è finito nelle mani di un cartello e che è stato arrestato per via di una compravendita di armi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori