ISCRIZIONI SCUOLA 2017 / Aperte On line, video: non c’è possibilità di modifica (ultime notizie Miur, oggi 17 gennaio)

- La Redazione

Miur Iscrizioni Scuola 2017, Ministero del’Istruzione: domande apeonline e registrazione, tutte le ultime notizie in tempo reale di oggi 17 gennaio 2017. News live, esenti da iter telematico

scuola_bambini_elementareR439
Immagini di repertorio (LaPresse)

I genitori devono prestare molta attenzione alle iscrizioni scuola 2017 visto che, come specificato dal Miur sul sito per presentare le domande, non c’è possibilità di modifica dopo l’invio. Questo è il messaggio evidenziato in rosso: “La domanda, una volta inviata dalla scuola, non può più essere modificata. In caso occorresse apportare delle modifiche, è necessario contattare la scuola destinataria della domanda che può restituirla, sempre attraverso il portale”. Anche in caso di problemi nella procedura delle iscrizioni scuola 2017, è spiegato ancora sul sito, “è possibile contattare la scuola di destinazione che fornirà il proprio aiuto anche compilando la domanda on line per conto delle famiglie”. Le iscrizioni scuola 2017 sono state aperte ieri mattina: si potrà inviare la domanda fino alle ore 20 del prossimo 6 febbraio. La procedura riguarda le classi prime delle scuole primarie e delle medie e delle scuole superiori. Le iscrizioni scuola 2017 sono obbligatorie per le scuole statali e facoltative per le scuole paritarie; riguardano anche i corsi di istruzione e formazione dei Centri di formazione professionale regionali delle regioni che hanno aderito alla procedura: Lazio, Liguria, Lombardia, Molise, Piemonte, Sicilia e Veneto.

Le iscrizioni per la Scuola anno scolastico 2017-2018 sono in soli due giorni di apertura on line del portale Miur già quasi 96mila moduli di richiesta. Aperte ieri mattina, le iscrizioni Scuola 2017 vedono milioni di famiglie impegnate per iscrivere nella scuola più adatta i propri figli per il prossimo anno. Come riporta una nota del Miur, «Dopo il primo giorno, sono 96.426 le domande inserite dalle famiglie per le iscrizioni nelle scuole statali. Di queste 76.837 sono state già inoltrate alle scuole e quindi completate. Fra le Regioni con più domande completate, la Lombardia (22.083), il Lazio (8.668), il Veneto (7.890)», fa sapere il Ministero dell’Istruzione. Le iscrizioni ricordiamo ancora una volta che saranno aperte e online fino alle ore 20 del prossimo 6 febbraio 2017.

I genitori sono alle prese in queste ore con le iscrizioni scuola 2017 che sono state aperte ieri dal Miur. In questi primi due giorni le famiglie stanno incontrando alcune difficoltà a causa del sito in tilt. L’intasamento del sito del Miur dovuto ai tanti accessi effettuati in queste ore per le iscrizioni scuola 2017 dei figli potrebbe essere dovuto, come riporta La Stampa, dall’ansia dei genitori a causa del minor tempo a disposizione per l’invio delle domande. Quest’anno infatti per le iscrizioni scuola 2017 ci saranno venti giorni di tempo e non un mese e mezzo. A Torino poi in alcuni istituti tanti genitori si sono presentati per per prenotare l’appuntamento per le iscrizioni scuola 2017. In alcuni casi i genitori avrebbero però delle informazioni sbagliate, come quella secondo cui nelle scuole primarie e medie l’accettazione dei fuori zona dipenderebbe dall’ordine di arrivo. I dirigenti, riferisce il quotidiano fanno sapere che “questo criterio non esiste. In tutte le scuole prima si raccolgono tutte le domande, poi si verifica chi ha diritto e chi invece deve essere rimandato alla seconda scelta”.

Secondo giorno di iscrizioni Scuola 2017, ma il sito del Miur per inviare le domande ancora va ancora in crash come accaduto nelle prime ore di ieri mattina, all’apertura delle pre-iscrizioni. Non essendoci il criterio dell’ordine di arrivo, il Ministero non si aspettava un improvviso arrivo in massa sul portale di tantissime famiglie. L’ansia per il poco tempo forse (20 giorni invece che un mese e mezzo come lo scorso anno) sta portando molte famiglie ad utilizzare il portale per le domande online, anche se in molti lamentano come la massa non sia poi così tanta e che il problema di base rimane un sistema che spesso finisce in tilt. Come riportano i colleghi della Stampa, «Un grande affollamento di connessioni con il sito del Ministero non era previsto. Eppure il sistema è andato in tilt lo stesso, come hanno testimoniato le scuole già all’opera ieri per aiutare le famiglie meno attrezzate in senso informatico e le tante lamentele su Facebook. Ma tant’è. Negli ultimi tempi, dicono i dirigenti, il Sidi crea difficoltà anche per procedure ordinarie».

Da ieri sono aperte le iscrizioni Scuola 2017 sul portale Miur e già le domande online inviate dalle prime famiglie che hanno effettuato l’iter hanno intasato il servizio online del ministero dell’Istruzione: col passare dei giorni, con le iscrizioni che saranno più equamente distribuite, anche l’intasamento sarà molto meno frequente. Per quasi tutte le scuole di ordine e grado è esclusivo l’invio della domanda di iscrizione sfruttando il portale online, tranne per una ristretta categoria di istituti che invece richiedono ancora l’invio di una domanda scritta e non telematica, eccoli in elenco: le scuole dell’infanzia; le scuole della Valle d’Aosta e delle province di Trento e Bolzano; le terze classi dei licei artistici e degli istituti tecnici e professionali; il percorso di specializzazione per “Enotecnico” degli istituti tecnici del settore tecnologico a indirizzo “Agraria, agroalimentare e agroindustria”, articolazione “Viticoltura ed enologia”; i percorsi di istruzione per gli adulti, ivi compresi quelli attivati presso gli istituti di prevenzione e pena; gli alunni in fase di preadozione (al fine di garantire adeguata protezione e riservatezza ai minori, l’iscrizione viene effettuata dalla famiglia affidataria direttamente presso l’istituzione scolastica prescelta).

Sono aperte le Iscrizioni alla Scuola per l’anno 2017 con il portale Miur questa mattina preso d’assalto per l’invio delle prime domande online di iscrizione ai tutti gli ordini di classi e gradi della scuola italiana. Al netto dei problemi tecnici ancora presenti (vedi il focus qui sotto) sono tante le famiglie che hanno già provveduto ad avviare l’iter per le iscrizioni con però ancora tante dubbi e spiegazioni non chiare nel come compilare la domanda online. Per questo motivo questa mattina il Miur ha pubblicato sul suo canale YouTube un video-tutorial per spiegare al meglio come poter compilare la domanda di iscrizione sul portale ministeriale: nella prima parte vengono richiesti i dati anagrafici dello studente e altre informazioni necessarie per l’iscrizione, nella seconda invece, facoltativa, in cui vengono richieste informazioni di specifico interesse per la scuola a cui ci si vuole iscrivere. Una volta inseriti i dati si deve controllare il modulo. Se è tutto corretto e non dovete modificare nulla, vi basterà cliccare sul pulsante “Invia la domanda” per inoltrarla direttamente alla scuola. 

Sono scattate le prime domande online invitate per le Iscrizioni Scuola 2107 ma il portale del Miur per eseguire l’iter delle richieste verso le varie scuole continua ad avere alcuni problemi tecnici di eccessiva lentezza. Come già avvenuto durante la fase di registrazione delle credenziali SPID, anche in queste prime ore di avvio iter Iscrizioni – durerà fino al prossimo 6 febbraio, si riscontrano problemi legati alla eccessive lentezza dei passaggi. Ipotesi molto probabile riguarda l’alto numero di utenti che si sono collegati questa mattina per inviare le proprie domande online di iscrizione alle varie scuole distribuite lungo l’intero Paese. Non vi preoccupate però, non essendoci limiti di tempistiche per l’invio della domanda – non vale il criterio di prenotazione acquista con invio tempestivo delle domande d’iscrizione – vale la pena fare con calma l’intero iter magari tra qualche giorno quando il portale sarà meno intasato. Questo chiaramente non toglie che il Miur dovrà provvedere in tempi strettissimi a sistemare un servizio che già nelle scorse settimane ha evidenziato parecchi problemi tecnici.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori