ALLERTA METEO/ Previsioni del tempo: rischio valanghe Marche, Abruzzo, Molise e Lazio (news oggi, 20 gennaio 2017)

- La Redazione

Allerta meteo, previsioni del tempo e maltempo: oggi, 20 gennaio 2017. La neve da tregua al nostro paese, salgono le temperature su tutto lo stivale. Sole sul nord-ovest dell’Italia.

nuvole
Foto La Presse

E’ ancora segnalato rischio valanghe in Marche, Abruzzo, Molise e Lazio per quanto riguarda i settori appenninici. Sono queste infatti le ultime previsioni del tempo di Meteo.it relative all’emergenza neve che ha colpito negli ultimi giorni le regioni del centro Italia. Riguardo invece alle altre regioni Arpa Sardegna ha emesso un’allerta arancione a partire dalla mezzanotte di oggi e per 24 ore, fino alle 24 di domani sabato 21 gennaio per rischio idrogeologico e idraulico sulle zone di Iglesiente, Flumendosa-Flumineddu e Gallura. Su Flumendosa-Flumineddu e Gallura era già stato emesso un codice giallo per rischio idraulico, in vigore fino alla mezzanotte di oggi venerdì 20 gennaio. Domani l’allerta giallo è estesto anche alle zone Tirso, Campidano e Logudoro. I cittadini sono invitati dalla Protezione civile a restare in casa e a spostarsi solo in caso di urgenza. E’ vietato poi attraversare i torrenti in piena, fermarsi in prossimità di ponti e argini di fiumi e attraversare sottopassi.

Breve tregua dal maltempo oggi secondo le previsioni di Meteo.it: una nuova perturbazione è infatti attesa durante la fine settimana. Domani sono previste forti piogge sulle Isole. Oggi al Nord, su regioni tirreniche, Umbria e Sicilia la giornata sarà soleggiata. Molte nubi sono segnalate in Sardegna e sulle regioni del medio-basso versante adriatico, con locali piogge intermittenti previste in Molise, Puglia e Sardegna orientale. In Molise segnalata quota neve intorno ai 500 metri. E resta alto il pericolo valanghe nei settori appenninici di Marche, Abruzzo, Molise e Lazio. Per quanto riguarda le temperature le massime sono indicate in aumento sulle regioni tirreniche e sulle Isole. Per l’emergenza neve, come riporta Tgcom24, sono ancora isolate alcune frazioni nelle Marche: i soccorritori hanno lavorato per tutta la notte per raggiungere le famiglie rimaste bloccate e liberare le strade.

Dopo le tragedie che ha vissuto il nostro paese a causa della neve la giornata di oggi, venerdì 20 gennaio 2017, si dovrebbe tornare a sorridere. Le uniche raffiche di neve nel nostro paese le vedremo solamente sulle Marche nella prima mattina quando le temperature saranno ancora piuttosto basse con il problema del gelo che la farà ancora da protagonista. Nella mattinata ci saranno poi temporali su Puglia e Sardegna, mentre ci dovrebbero essere semplici rovesci tra Campania, Basilicata e Calabria. Staremo a vedere come saranno i prossimi giorni, ma di sicuro la sensazione è che si possa vivere un fine settimana piuttosto equilibrato. Nel pomeriggio poi la neve sulle Marche si trasformò in cielo coperto su tutta la regione mentre continueranno a battere i temporali che si sono visti nella prima mattinata. Le temperature minime invece si vedranno attorno ai meno quattro di Trieste e ai meno tre tra Aosta e Milano oltre Bologna. Temperature che ovviamente saliranno nel pomeriggio.

Nella giornata di oggi, venerdì 20 gennaio 2017, torna a farla da protagonista il bel tempo come raccontano le previsioni del tempo. Il sole infatti potrebbe battere su non poche regioni, andando a regalare sorrisi anche e soprattutto a quelle regioni che in queste settimane sono state battute dal freddo e dal gelo. Il sole però più importante lo vedremo su tutto il nord del nostro paese partendo dalla Valle d’Aosta per arrivare fino al Veneto passando per Piemonte, Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Liguria e anche gran parte dell’Emilia Romagna. Al sud invece il sole si vedrà nuovamente all’estremo meridione della Puglia. Cielo che sarà comunque coperto su tutto il versante tirrenico. Staremo a vedere se in questi giorni la situazione migliorerà anche per quanto riguarda le temperature che saranno comunque in netto rialzo già da oggi. Basti pensare che le massime le vedremo a Palermo con sedici gradi e a Catania con quattordici.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori