SCIOPERO ALITALIA AEREI/ Oggi ultime notizie 20 gennaio 2017: protesta nazionale del personale, voli garantiti. Info e orari

- La Redazione

Sciopero aerei Alitalia oggi, 20 gennaio 2017: protesta nazionale del personale, voli garantiti, info e orari. Tutte le ultime notizie sulla protesta dei lavoratori

aerei_sciopero_alitalia_voli_aeroporto
Lapresse

Del personale del gruppo Alitalia Sai. La protesta a livello nazionale è stata indetta dal sindacato Cub Trasporti per 4 ore, dalle 14:00 alle 18:00. L’Enta nazionale per l’aviazione civile comunica che i voli da assistere sono tutti i voli charter da/per le isole regolarmente autorizzati o notificati anteriormente alla data di proclamazione dello sciopero; tutti i collegamenti intercontinentali in arrivo, compresi transiti su scali nazionali nonché i seguenti voli intercontinentali in partenza: Medio Oriente – AZA 756 FIUMICINO (LIRF) TEHERAN (OIIE), Sub area Giappone – AZA 786 MALPENSA (LIMC) TOKYO NARITA (RJAA), Nord America – AZA 610 FIUMICINO (LIRF) NEW YORK (KJFK). In caso di sciopero aerei dovrà essere comunque assicurato l’arrivo a destinazione di tutti i voli nazionali in corso al momento dell’inizio dello sciopero ed il regolare svolgimento dei voli internazionali con orario stimato di arrivo entro mezz’ora dall’inizio della protesta.Sono altresì assicurati tutti i voli schedulati in partenza in orari antecedenti all’inizio dello sciopero e ritardati per cause indipendenti dalla volontà delle parti. Sciopero oggi anche del personale della società Sea di Milano Linate e Malpensa: la protesta è stata indetta sempre dal sindacato Cub Trasporti dalle 14 alle 18.

Lo sciopero aerei oggi del personale di Alitalia riguarderà solo una sigla sindacale. Gli altri sindacati che avevano indetto l’agitazione oggi venerdì 20 gennaio hanno differito lo sciopero. Come riporta Rainews Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Ugl TA hanno comunicato unitariamente il “differimento dello sciopero alla prima data che sarà valutata opportuna”. Lo sciopero aereo è stato differito in seguito all’incontro che si è svolto nei giorni scorsi presso il ministero di Trasporti e Infrastrutture alla presenza anche dell’Inps ed in relazione proprio alla protesta che era stata indetta nel trasporto aereo. Lo sciopero oggi era stato proclamato “per la mancata erogazione delle prestazioni del Fondo di Solidarietà del settore”. Secondo le organizzazioni sindacali dei trasporti, “il differimento è avvenuto a fronte degli impegni assunti dall’Inps che, già il prossimo 30 gennaio in occasione della riunione del comitato del Fondo di solidarietà del settore, ha garantito che porterà le delibere rimaste in sospeso relative ‘all’integrazione di durata (biennio)’ “.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori