Conversione di San Paolo/ Santo del giorno, il 25 gennaio si celebra San Paolo

- Eugenio Russomanno

La Chiesa ricorda oggi la conversione di San Paolo, che da persecutore accanito dei cristiani divenne tra i più importanti discepoli. Ecco come avvenne la conversione. EUGENIO RUSSOMANNO

Rublev_Saint_Paul_R439
Andrej Rublëv, icona di San Paolo

, negli Atti degli Apostoli 9,1-9: Saulo frattanto, sempre fremente minaccia e strage contro i discepoli del Signore, si presentò al sommo sacerdote e gli chiese lettere per le sinagoghe di Damasco al fine di essere autorizzato a condurre in catene a Gerusalemme uomini e donne, seguaci della dottrina di Cristo, che avesse trovati. E avvenne che, mentre era in viaggio e stava per avvicinarsi a Damasco, all’improvviso lo avvolse una luce dal cielo e cadendo a terra udì una voce che gli diceva: “Saulo, Saulo, perché mi perseguiti?”. Rispose: “Chi sei, o Signore?”. E la voce: “Io sono Gesù, che tu perseguiti! Orsù, alzati ed entra nella città e ti sarà detto ciò che devi fare”. Gli uomini che facevano il cammino con lui si erano fermati ammutoliti, sentendo la voce ma non vedendo nessuno. Saulo si alzò da terra ma, aperti gli occhi, non vedeva nulla. Così, guidandolo per mano, lo condussero a Damasco, dove rimase tre giorni senza vedere e senza prendere né cibo né bevanda.

Festa della Conversione di san Paolo Apostolo, al quale, mentre percorreva la via di Damasco lasciando trasparire ancora minacce e stragi contro i discepoli del Signore, Gesù in persona si manifestò glorioso lungo la strada affinché, colmo di Spirito Santo, annunciasse il Vangelo della salvezza alle genti, patendo molto per il nome di Cristo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori