LUCA VARANI / News, le domande della madre sul giorno del delitto (Ultime notizie oggi, 25 gennaio 2017)

- La Redazione

Luca Varani, ultime notizie: la madre Silvana lo ricorda il giorno del suo compleanno, così come la fidanzata Marta Gaia che affidano a Facebook il loro dolore (24 gennaio 2017).

luca_varani_facebook
Luca Varani

In attesa dell’inizio del processo sul delitto di Luca Varani a carico di Marco Prato e Manuel Foffo, per i quali è stato chiesto dal pm il rinvio a giudizio, nei giorni scorsi per la famiglia del giovane è stato un giorno molto doloroso. Lo scorso 22 gennaio, sarebbe stato il 24esimo compleanno di Luca Varani, una data che ha segnato un nuovo dolore nel cuore della famiglia e della fidanzata del giovane, massacrato a colpi di martello e varie colettale su tutto il corpo quasi un anno fa. La madre di Luca, Silvana, ha rotto il silenzio e, come riporta FanPage nell’edizione romana, ha affidato a Facebook una lunga lettera piena di domande che restano ad oggi senza risposte. La donna soffre al pensiero di cosa abbia potuto provare, negli attimi in cui veniva ucciso, l’amato figlio. Poi Silvana ha chiosato con un pensiero rivolto proprio agli assassini del figlio, Prato e Foffo: “E’ impensabile che dei ragazzi, possano portare a termine la vita di un altro giovane, così per il proprio desiderio di vedere che effetto che fa guardare morire torturato un suo simile”. Il riferimento è proprio alle prime rivelazioni dei due trentenni ora in carcere agli inquirenti, i quali ammisero di aver agito per il semplice gusto di “vedere l’effetto che fa”, senza dunque un vero movente.

Nel primo compleanno senza Luca Varani, il giovane ucciso barbaramente da Marc Prato e Manuel Foffo meno di un anno fa, la fidanzata della vittima, Marta Gaia Sebastiani, ha pubblicato su Facebook un post lungo e straziante, nel quale ha ricordato il suo amore mancato. Oltre alle parole splendide della ragazza, a commuovere sono stati anche i tanti messaggi degli amici della coppia, che sotto quel post hanno voluto inviare lo stesso i loro auguri di compleanno al povero Luca. Ad esempio c’è chi scrive:”Un abbraccio fortissimo e un augurio speciale a te fratellino, auguri dolce angelo che sei lassù”. Un altro giovane commenta:”Parole stupende..auguri Luca!”. Insomma, Luca Varani è morto, ucciso dalla furia incontrollata che la madre ha rappresentato sotto la figura del “lupo cattivo”, ma l’affetto di chi gli voleva bene è più vivo che mai. 

A meno di un anno dalla morte di Luca Varani, mentre le ultime notizie sul suo caso rimangono ancora immerse in una coltre di nebbia, a ricordare il giovane romano di origini albanesi è la madre. L’occasione, avvenuta ieri, è il compleanno del ragazzo, ucciso per mano di Marc Prato e Manuel Foffo, un evento che non può che provocare ricordi felici di un tempo ed allo stesso tempo il dolore per una perdita ancora inspiegabile. La sofferenza di mamma Silvana viene affidata tutta ad un lungo post su Facebook, in cui paragona gli aguzzini del figlio a quel lupo cattivo presente in tante favole per l’infanzia. “Tutto quell’amore che incondizionatamente ti abbiamo dato non è servito a nulla”, scrive con rabbia verso chi ha strappato la vita di Luca Varani. Quel lupo cattivo di cui lei stessa gli raccontava da bambino, quel tipo di mostro che non si aggira per i boschi, ma “vive nei quartieri cosiddetti per bene”. Non si spiega mamma Silvana, come dei ragazzi possano uccidere un altro giovane con inaudita ferocia, con una malvagità che oltrepassa ogni limite. Si chiede anche che cosa avrà pensato il figlio nelle ore di agonia, prima che gli venisse concesso di morire. Concesso, sì, perché Luca Varani è stato torturato e seviziato per ore prima che i due aguzzini Marc Prato e Manuel Foffo gli concedessero la “grazia” con una pugnalata al cuore. Non c’è logica nella brutalità con cui è stato ucciso il giovane 23enne, che secondo gli inquirenti sarebbe morto a causa di più di 100 coltellate. Un delitto inspiegabile, che ha sconvolto l’opinione pubblica e che ha fatto rabbrividire i più, proprio per il modus operandi con cui è stato compiuto. Impossibile dimenticare, impossibile non pensare ad un’ingiustizia, a quanto macabro fosse quel gioco voluto da Prato e Foffo e che prevedeva solo la morte di Luca Varani. Un post altrettanto lungo è stato pubblicato dalla fidanzata della vittima, Marta Gaia Sebastiani, che in tanti giorni e mesi di atroce dolore non ha mai smesso un giorno di ricordarne la memoria. Anche in questo caso le sue parole, profonde, sono corredate da tante foto di Luca, ripreso in attimi felici ed in occasione dei suoi compleanni precedenti. Parole che esprimono un amore che questa volta, davvero no, la tragedia non può cancellare.

Clicca qui per vedere il post della fidanzata di Luca Varani. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori