Meningite / Salerno, migliorano le condizioni del 50enne. Al via istruttoria contro il “no vax” Dario Miedico (oggi, 25 gennaio 2017)

- La Redazione

Meningite, l’Ordine dei Medici apre istruttoria contro l’epidemiologo Dario Miedico: il virologo Roberto Burioni spiega perchè il collega sta sbagliando (25 gennaio 2017).

ambulanza_lapresse
Allarme meningite (LaPresse)

Arrivano buone notizie riguardo la 50enne colpito da meningite e ricoverato a Salerno. Le sue condizioni di salute sarebbero infatti in miglioramento, secondo quanto riferito dal Corriere di Salerno. A comunicarlo è stato Nicola Boffa, primario del reparto di Malattie Infettive dell’ospedale “San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona”: “Il paziente attualmente è in discrete condizioni, è senza febbre ed è cosciente. Siamo abbastanza soddisfatti delle sue condizioni di salute”. Al momento però, visto che non è stata fatta una tipizzazione completa del ceppo di meningite che ha colpito il 50enne di Cava de’ Tirreni, non è possibile stabilire se ci sia una relazione con il caso di meningite che ha colpito un bimbo di 4 anni a Napoli. Nei prossimi giorni i campioni prelevati al 50enne ricoverato a Salerno saranno inviati all’Istituto Superiore di Sanità per le analisi. Secondo quanto dichiarato dal direttore sanitario Nicola Silvestri non ci sarebbe un allarme meningite in Campania: “in questo momento non vi sono elementi che possano far pensare ad elementi di foci epidemici sia nella provincia di Salerno che in tutta la Campania. L’unico focolaio che il ministero ha posto sotto controllo è quello evidenziato già da qualche tempo in Toscana, ma non tocca le altre regioni italiane”.

Il prossimo 27 gennaio 2017 Dario Miedico, l’epidemiologo del ComiIva, diventerà protagonista di un’istruttoria voluta dall’Ordine dei Medici per via delle sue dichiarazioni in merito al vaccino contro la meningite. Più volte il medico, definito dalle testate nazionali come “il paladino del no vax” ha ribadito la sua opinione in merito al protocollo sanitario preventivo previsto per il meningococco di tipo C e di tutte le altre varianti. Fra le fila dei contestatori il virologo milanese Roberto Burioni che, come già fatto nelle scorse settimane, ha approfittato del proprio profilo Facebook per attaccare duramtente Dario Miedico. “Una vecchia conoscenza per chi, come me”, rivela Burioni, “tenta di fornire una corretta informazione sui vaccini”. Nel suo lungo post, il medico riporta estratti di un’intervista che l’epidemiologo, che ora rischia la radiazione dall’Albo, ha concesso a Informa Salus proprio in seguito alle contestazioni pubbliche di diversi colleghi. Il dottor Roberto Burioni, esperto conoscitore del vaccino e suo forte promotore, punta il dito contro un’affermazione in particolare di Miedico, riguardo alle possibili reazioni “avverse anhe gravi e gravissime che possono causare danni al sistema immunitario, all’encefalo, al sistema nervoso”. Secondo il virologo, infatti, non esiste alcuna base scientifica per questa eventualità che, ancora di più alla luce dei fatti più recenti, non fa altro che alimentare la paura e la confusione dei cittadini italiani. 

“Le cose stanno molto diversamente”, ribatte il virologo milanese Roberto Burioni sul proprio profilo Facebook alle recenti dichiarazioni dell’epidemiologo Dario Miedico. Soprattutto perché quest’ultimo accusa i colleghi favorevoli al vaccino anti-meningite di essere in realtà dei sostenitori – pagati – della Big Pharma. Una schiera che secondo Miedico prevede al suo interno il 90% degli scienziati. Burioni non ci sta e sottolinea di sentirsi offeso da simili affermazioni, dato che il ruolo del medico prevede innanzitutto il benessere dei pazienti prima ancora del vantaggio personale. Secondo il suo punto di vista, inoltre non può essere un buon medico colui che “spaventa una mamma paventando rischi inesistenti legati alla vaccinazione” e si dichiara sicuro che l’istruttoria dell’Ordine dei Medici a sfavore dell’epidemiologo chiarirà una volta per tutte il decalogo di integrità e doveri che i medici hanno sia nei confronti dei pazienti che della società.

Clicca qui per vedere il post del dottor Roberto Burioni

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori