Blocco traffico auto Milano/ Euro3 diesel, stop circolazione: stazioni Arpa oltre la soglia, tutte le misure antismog (Ultime notizie oggi 26 gennaio)

- La Redazione

Blocco auto Milano, stop circolazione Euro 3 diesel: tutte le misure antismog previste dal Comune. Ultime notizie oggi, 26 gennaio 2017 in aggiornamento in tempo reale

Automobile_citta_traffico_vigile_R439
Lapresse

Nella città di Milano i livelli di smog purtroppo non diminuiscono e per questo motivo il blocco traffico auto è stato ripristinato con maggiore forza in questi ultimi giorni di gennaio del 2017: al nomale blocco settimanale anti veicoli più inquinanti, i prossimi giorni vedranno il blocco della circolazione secondo tutte le specifiche che indichiamo qui sotto. Intanto, il servizio Arpa Lombardia ha fornito al Comune di Milano – ma sono anche reperibili pubblicamente sul portale Arpa online – le soglie superate dei Pm10 nell’aria in vari punti di Milano. Tra le varie centraline in cui i livelli di smog sono andati oltre la soglia, il servizio Arpa segnala queste in particolare: 67 mcg/m in zona Pascal, 56 al Verziere e nella centrale via Senato. Nel frattempo i prossimi giorni saranno decisivi anche pe capire se tali misure ridurranno in maniera considerevole i livelli di inquinamento o se saranno bisogno blocchi auto ben più rilevanti.

Il blocco del traffico auto in corso a Milano da oggi prevede anche alcune disposizioni ad hoc prodotte dal “Protocollo regionale sulla qualità dell’aria” sugli impianti di riscaldamento della città: «Viene introdotto il limite a 19° C (con tolleranza di 2° C) per le temperature medie nelle abitazioni e negli esercizi commerciali; non potranno essere utilizzati impianti domestici alimentati a biomassa legnosa al di sotto della classe 3 stelle in base alla classificazione ambientale individuata da Regione Lombardia; è vietata ogni tipologia di combustione all’aperto». Non è la prima volta che all’interno delle misure anti-smog sul traffico auto viene accompagnata l’altra “piaga” per l’inquinamento come il riscaldamento di uffici pubblici e semplice abitazioni.

Scatta oggi il nuovo blocco auto a Milano: si tratta di misure straordinarie previste dal “Protocollo regionale sulla qualità dell’aria” per contrastare la diffusione delle polveri sottili. E’ esteso lo stop ai veicoli Euro 0 benzina e Euro 0, 1 e 2 diesel anche nelle giornate di sabato, domenica e festivi dalle ore 7:30 alle ore 19:30. Entra poi in vigore il blocco per le auto private Euro 3 diesel senza filtro antiparticolato non potranno circolare in città dalle ore 9 alle ore 17, mentre i veicoli commerciali Euro 3 diesel senza filtro antiparticolato saranno bloccati dalle 7:30 alle 9:30. Le misure antismog prevedono inoltre il limite a 19° C (con tolleranza di 2° C) per le temperature medie nelle abitazioni e negli esercizi commerciali: non potranno essere utilizzati impianti domestici alimentati a biomassa legnosa al di sotto della classe 3 stelle in base alla classificazione ambientale individuata da Regione Lombardia ed è vietata ogni tipologia di combustione all’aperto. Il blocco traffico auto a Milano sarà sospeso dopo due giorni consecutivi in cui i limiti di Pm10 si attesteranno al di sotto di 50 microgrammi al metrocubo.

Il nuovo blocco auto a Milano è stato deciso dopo che Arpa Regione Lombardia ha attestato il superamento del limite giornaliero di Pm10 di 50 microgrammi per metro cubo per 7 giorni consecutivi avvenuto ieri con un valore di 66.2 µg/m³. Il Comune di Milano ha attivato quindi le misure antismog con il primo blocco del 2017. Marco Granelli assessore alla Mobilità e Ambiente ha dichiarato che “l’inquinamento è causato al 44% dai veicoli diesel, al 25% dal riscaldamento a gasolio e al 16% dai processi industriali. Dal 2002, primo anno di monitoraggio ufficiale del PM10, c’è stato un miglioramento nella qualità dell’aria. Allora vi erano stati 166 giorni di superamento della soglia, nel 2016 sono stati 73. Siamo ancora lontani dalla soglia dei 35 giorni previsti dalla normativa europea ma con i provvedimenti che stiamo adottando ci arriveremo. Vogliamo che la qualità dell’aria a Milano migliori sensibilmente”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori