Suore incinte a Milano / 9 gravidanze dopo aver ospitato migranti: la nuova bufala viaggia sul web (oggi, 26 gennaio 2017)

- La Redazione

Suore incinte di migranti nordafricani: la bufala viaggia sul web. I precedenti casi reali e il film Agnus Dei, che tratta gli stupri nei conventi (oggi, 25 gennaio 2017)

suore_convento
Una suora in convento

I giornali satirici si sa, proliferano sul web, e adesso vittime dei loro scherzi sono state le suore: l’ultima notizia è che nove religiose di un convento che aveva aperto le porte a un gruppo di migranti nordafricani sarebbero incinte. Le suore, sempre secondo quanto dichiarato dal sito di bufale, avrebbero detto che sarebbe stata opera del Signore. “ben 9 giovani suore del convento adesso sono incinte. Pare infatti che la madre superiora, che avrebbe dovuto sorvegliare le giovani suore non sia potuta restare in convento di notte perché la sua anziana madre ha seri problemi di salute. Così le suore più giovani ne hanno approfittato per passare le ore notturne sveglie a intrattenersi con i migranti, desiderose di divertirsi dopo intere giornate passate a pregare. Ecco che adesso, dopo 6 mesi, le donne di trovano in stato di gravidanza“, si legge sul sito Il Giornale italiano. Ovviamente la notizia è falsa e nessuna suora è in stato di gravidanza.

Quella delle suore messe incinte dai migranti nordafricani ospitati dalla struttura è ovviamente una bufala, ma nella storia ci sono ovviamente dei precedenti reali. L’ultimo noto alle cronache è del 2015 e riguarda una suora di clausura boliviana, anche se la Madre Superiora del convento marchigiano additato dalla stampa come il luogo di provenienza della religiosa aveva smentito la notizia. Un altro caso di una suora incinta risale al 2011, ma in questo caso la donna era stata violentata da un prete. Alle tragiche vicende degli stupri nei conventi è ispirato il film della regista Anne Sibertin-Blanc, Agnus Dei, che racconta la storia di una dottoressa in un ospedale polacco durante la seconda guerra mondiale che scopre che molte tra le donne violentate che arrivavano per ricevere delle cure erano delle religiose. Il film è ispirato a una storia vera ed è stato presentato al Sundance Film Festival nel 2016, ricevendo un’ovazione da parte del pubblico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori