BLOCCO TRAFFICO TORINO E ROMA/ Oggi, orari e info: domani ancora stop a Torino (ultime notizie 31 gennaio 2017)

- La Redazione

Blocco traffico Roma e Torino, ancora critici i livelli di pm10 nell’aria della Capitale e del capoluogo piemontese. Informazioni e orari (31 gennaio 2017).

Automobile_citta_traffico_vigile_R439
Lapresse

Continua anche domani il blocco traffico a Roma e Torino. Per quanto riguarda il capoluogo del Piemonte l’amministrazione comunale ha disposto la prosecuzione dello stop alla circolazione di determinate categorie di auto. Sul sito del Comune si comunica infatti che domani 1 febbraio sarà attivo il blocco dei veicoli privati Diesel fino all’Euro 3 e Benzina, gpl e metano precedenti all’Euro 1 nei seguenti orari: 8.00-19.00 per i veicoli adibiti al trasporto persone; 8.30-14.00 e 16.00-19.00 per i veicoli adibiti al trasporto merci. Inoltre si fa sapere che i provvedimenti del protocollo regionale antismog. I provvedimenti di limitazione del traffico emergenziali, che saranno validi tutti i giorni (festivi compresi), saranno sospesi solo quando si osserverà il rientro delle concentrazioni di PM10 al di sotto del valore limite giornaliero ovvero 50 mcg/m³. Riguardo ai livelli di inquinamento si precisa che “l’attivazione di un livello superiore al “giallo” prevede il permanere di quel livello fino a quando le concentrazioni risulteranno inferiori al suddetto valore limite giornaliero e non fino a quando le concentrazioni registrate o previste saranno inferiori alla soglia che ha fatto attivare il livello stesso”.

Il blocco del traffico a Torino è dovuto ai livelli elevati di sostanze inquinanti rilevati nell’aria. Le stazioni di rilevamento delle polveri sottili hanno infatti registrato negli ultimi 7 giorni un aumento di Pm10 preoccupanti. Dal 24 al 30 gennaio, a Torino la soglia di 50 mcg/m³ che fa scattare il livello d’allerta 1 contraddistinto dal colore giallo è stata violata in 7 occasioni, portando così all’attuazione del protocollo antismog che prevede “blocco della circolazione urbana dei veicoli privati Diesel con omologazione precedente all’Euro 4 e Benzina, gpl e metano con omologazione precedente all’Euro 1”. In questo arco di tempo le Pm10 hanno fatto segnare livelli di 96, 79, 96, 103, 96, 87, 93 mcg/m³. Come possiamo notare grazie ai valori forniti dal portale Arpa, i valori si avvicinano (e il 27 gennaio hanno superato) al livello d’allerta 2 (colore arancione). Nel caso in cui le polveri sottili infrangessero la soglia di guardia per tre giorni consecutivi ad essere interessati dal blocco traffico sarebbero i veicoli privati Diesel con omologazione precedente all’Euro 5 e Benzina, gpl e metano con omologazione precedente all’Euro 1.

Non solo blocco del traffico auto a Roma e Torino oggi. Per quanto riguarda la Capitale, visti i rilevamenti che hanno evidenziato livelli di inquinamento superiori ai valori limite vigenti, il sindaco Virginia Raggi, ha disposto anche per oggi il divieto nella ztl “Fascia Verde” per le alcune categorie si auto: dalle ore 7.30 alle ore 20.30 ciclomotori e motoveicoli “PRE-EURO 1” ed “EURO 1”, a due, tre e quattro ruote, dotati di motore a 2 e 4 tempi; autoveicoli alimentati a benzina “EURO 2” e dalle ore 7.30 alle ore 10.30 e dalle 16:30 alle 20:30 autoveicoli alimentati a gasolio “EURO 3”. Il sindaco ha anche disposto che, durante il periodo di funzionamento giornaliero degli impianti termici consentito (massimo 12 ore) non siano superati i massimi di temperatura, come segue: – non debbono essere superati i 18°C, negli edifici classificati dall’art.3 del D.P.R. 412/93, nelle categorie E.1, E.2, E.4, E.5 ed E.6; – non debbono essere superati i 17°C, negli edifici classificati dall’art.3 del D.P.R. 412/93, nelle categorie E.8. Queste disposizioni non si applicano agli edifici rientranti nella categoria E.3 (ospedali, cliniche o case di cura e assimilabili) ed E.7 (scuole e assimilabili).

Livelli di smog preoccupanti a Torino, costretta anche oggi a fare i conti con un provvedimento di blocco traffico che avrà luogo dalle ore 8 alle ore 19 di oggi, martedì 31 gennaio 2017. I dati allarmanti riguardano in particolare le polveri sottili (Pm10), ovvero le sostanze inquinanti sospese nell’aria, che per ben 10 giorni nel mese di gennaio hanno oltrepassato i livelli di sicurezza, costringendo il Comune presieduto dalla sindaca Chiara Appendino a disporre l’ennesimo provvedimento di blocco auto. Come riportato da Torino Today, però, c’è chi è convinto che queste soluzioni estemporanee poco incidano nella lotta all’inquinamento. È il caso di Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta che, per bocca del suo presidente Fabio Dovana, ha dichiarato:”Il piano regionale anti-smog non è più rinviabile. Chiediamo alla Regione di prendere un impegno vincolante sui tempi di redazione e approvazione”.

Giro di vite alla viabilità di Roma oggi, martedì 31 gennaio 2017, con il blocco del traffico a causa degli alti livelli di smog raggiunti in questi giorni. Le concentrazioni registrate in merito alle polveri sottili mettono in luce come la qualità dell’aria rimanga ancora compromessa. Seguendo il protocollo in merito all’Antismog, con riferimento alla delibera 76 del 28 ottobre, il sindaco della Capitale Virginia Raggi ha esteso il blocco del traffico a Roma anche ai veicoli che finora non erano rimasti coinvolti nelle limitazioni al traffico cittadino. Si aggiungeranno quindi alle categorie già bloccate in modo permanente h24 dal lunedì al venerdì, le seguenti tipologie: dalle 7:30 alle 20:30 non potranno circolare ciclomotori e motoveicoli Pre Euro 1 ed Euro 1, a due, tre e quattro ruote, dotati di motore a 2 e 4 tempi; autoveicoli alimentati a benzina Euro 2. Dalle 7:30 alle 10:30 e dalle 16:30 alle 20:30 il divieto verrà esteso anche agli autoveicoli alimentati a diesel Euro 3. La limitazione riguarderà inoltre anche gli impianti di riscaldamento, che non dovranno superare i 18 gradi. Se la situazione non dovesse migliorare, sottolinea Roma Today, il blocco verrà ulteriormente esteso agli autoveicoli e motoveicoli diesel di qualsiasi categoria, esclusi gli Euro 6. 

I dati riguardo allo smog presente a Torino hanno spinto l’amministrazione comunale a prolungare il blocco traffico a Torino oggi, 31 gennaio 2017. Il livello di polveri presenti nell’aria rimane ancora critico, definito con il bollino giallo, che denota come il limite di 50 mcg/m3 sia aumentato per sette giorni consecutivi. Secondo le previsioni Arpa, sottolinea Torino Today, il pm10 potrebbe superare inoltre in questa giornata il valore di 110 mcg/m3. Il blocco dell’auto a Torino continua a riguardare i veicoli alimentati a Diesel fino all’Euro 3. Rimane quindi vietato per qualsiasi veicolo privato Diesel e Benzina, gpl, metano precedenti all’Euro 1, di circolare in tutte le strade del capoluogo piemontese. Per quanto riguarda i mezzi Diesel Euro 3 destinati al trasporto di persone, il limite interesserà la fascia oraria che va dalle 8 fino alle 19, mentre i mezzi previsti per il trasporto merci non potranno circolare dalle 8:30 alle 14 e dalle 16 alle 19. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori