JOHN WETTON/ King Crimson, morto il bassista e cantante: stroncato da un cancro a 67 anni (oggi 31 gennaio 2017)

- La Redazione

John Wetton morto: il bassista e cantante di King Crimson e Asia è stato stroncato da un cancro all’addome all’età di 67 anni. Offrì un grande contributo alla musica prog.

John-Wetton_R439
John Wetton

La morte di John Wetton rappresenta una grave perdita per il mondo della musica prog e hard rock, generi ai quali il bassista e cantante di Derby ha legato la sua carriera con i King Crimson e gli Asia. Come riportato da ondarock.it, nel 2007 il musicista aveva subito un delicato intervento chirurgico dopo aver scoperto una disfunzione coronarica che lo aveva costretto ad impiantare un triplo bypass. Nel 2015 invece Wetton era finito nuovamente sotto i ferri, questa volta per tentare di asportare il tumore all’addome poi risultatogli fatale. Dopo lo scioglimento degli Asia, il supergruppo con cui Wetton ha ottenuto le maggiori soddisfazioni in termini di vendite, come riportato da La Repubblica, l’artista inglese ha collaborato tra gli altri con Phil Manzanera e Pat Thrall, e soprattutto con Geoff Downes, con il quale diede vita agli Icon prima e ad una rinnovata versione degli Asia poi.

John Wetton, già bassista e cantante per i King Crimson e gli Asia, è morto oggi all’età di 67 anni dopo aver lottato a lungo con un cancro all’addome. A dare l’annuncio della scomparsa di John Wetton è stato Geoff Downes, che insieme a Wetton era stato membro degli Asia, tramite il suo profilo Twitter:”Cari tutti, sono molto affranto di essere il portatore della notizia tristissima che il mio caro amico, compagno di gruppo e co-autore, John Wetton è morto”. La carriera di John Wetton è iniziata agli albori degli anni Settanta con i Mogul Trash, mentre nel 1972 subentrò a John Weider nei Family. Sempre in quell’anno Robert Fripp lo chiamò per offrirgli di entrare a far parte della rinnovata band dei King Crimson, con cui Wetton incise “Larks’ Tongues in Aspic” (1973), “Starless and Bible Black” e “Red” (1974). Il suo apporto alla band fu molto importante sia dal punto di vista musicale (grazie alla sua immensa tecnica da bassista sempre riconoscibile), che da quello canoro (con quel timbro caldo e avvolgente che lo ha sempre caratterizzato. Nel 1982 entrò a far parte degli Asia, una “superband” composta da Steve Howe (Yes), Carl Palmer (Emerson, Lake & Palmer), Geoff Downes (Buggles, Yes) con cui ottenne i suoi più grandi successi commerciali vendendo 13 milioni di copie con gli album Asia e Alpha.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori