PAPA/ La speranza di Francesco aiuta le mani e scioglie cuore e neve

- Fabio Capolla

Ha parlato a braccio Papa Francesco nel corso dell’udienza dedicata ai terremotati di Marche, Umbria e Lazio. Parole non all’insegna dell’ottimismo ma della speranza. FABIO CAPOLLA

papafrancesco_bambino_terremotatiR439
Papa Francesco (LaPresse)

Ha parlato a braccio Papa Francesco nel corso dell’udienza dedicata ai terremotati di Marche, Umbria e Lazio. Parole che hanno destato stupore, sicuramente, che hanno donato speranza, medicina indispensabile, come ha sottolineato lo stesso Pontefice.

“Ricostruire i cuori” non vuol dire “domani sarà meglio, non è ottimismo”: “non c’è posto per l’ottimismo qui, per la speranza sì, ma non per l’ottimismo, perché l’ottimismo è un atteggiamento che serve un po’ un momento, ti porta avanti, ma non ha sostanza”. Poche parole e già si potrebbe scrivere per ore. Una lezione che entra nel cuore dei terremotati, che li scuote, che fa sentire una presenza accanto a loro. Non parole di circostanza, ma parole che assomigliano a un abbraccio.

“Oggi serve la speranza per ricostruire, e questo si fa con le mani”. Non usa quindi giri di parole, non fa prediche il Papa. “Ho voluto prendere le vostre parole per farle mie, perché nella vostra situazione il peggio che si può fare è fare un sermone”. Papa ma soprattutto fratello, accanto a chi ha sofferto e soffre ancora dopo le violente scosse di agosto e ottobre dello scorso anno.

Papa Francesco ha preso spunto da quanto aveva ascoltato poco prima per parlare alle popolazioni terremotate nell’aula Paolo VI. Due testimonianze, quella di Raffaele Testa, che ha raccontato come lui e la sua famiglia siano scampati al terremoto in una piccola frazione di Amatrice, chiedendo al Papa di aiutarli a “ricostruire i cuori, ancor prima delle case”, e quella di don Luciano Avenati, prete da 43 anni della diocesi di Spoleto-Norcia e parroco dell’Abbazia di Sant’Eutizio a Preci, che si è detto “orgoglioso oggi più di ieri” della sua gente. 

Papa Francesco cita la testimonianza di Raffaele Festa: “ha parlato delle mani, del primo abbraccio a sua moglie, poi di quando ha preso i bambini per tirarli fuori dalla casa. Le mani. Quelle mani che aiutano i familiari a liberarsi dai calcinacci. Quella mano di chi lascia il proprio figlio nelle mani di non so chi per andare ad aiutare un altro. Per ricostruire ci vogliono il cuore e le mani, le nostre mani, le mani di tutti. Le mani con le quali diciamo che Dio, come un artigiano, ha fatto il mondo; le mani che guariscono. A me piace agli infermieri, ai medici benedire le mani, perché servono per guarire. Le mani di tanta gente che vi ha aiutato a uscire da questo incubo, da questo dolore. Le mani dei vigili del fuoco, tanto bravi. Le mani di tutti quelli che hanno detto: ‘io do il meglio’, la mano di Dio”.

Le parole del Papa rimarranno a riscaldare le tante persone che una volta lasciata Roma hanno trovato freddo e neve sulla via di casa. “Alcuni hanno perso tanto, la casa, i figli, i genitori, ma non ferire: il silenzio, le carezze, la tenerezza del cuore ci aiuta a non ferire. E anche si fanno miracoli nei momenti dei dolori”, aveva detto don Luciano Avenati. “Piangere solo fa bene, è un’espressione davanti a noi stessi e a Dio, ma piangere insieme è meglio. Ci ritroviamo piangendo insieme”, ha replicato il Papa.

Una giornata di letizia. Una giornata che aiuterà il quotidiano di ogni persona, sul lavoro, in famiglia, a scuola, con i parenti o con gli amici. I problemi sono quelli di sempre, a cui si aggiungono vento, freddo e neve. Dopo l’udienza del Papa operai e vigili del fuoco al lavoro per liberare le strade dal manto nevoso che in poche ore ha raggiunto parecchi centimetri. A ciò si aggiunge una scossa di terremoto di magnitudo 3.3 che è stata registrata ieri con epicentro a Visso, in provincia di Macerata. Lo sciame sismico nel centro Italia sembra non cessare e proprio a Visso l’unica strada di accesso al paese è stata chiusa proprio causa neve e gli automobilisti sono rimasti bloccati. Ore difficili con le previsioni che per le prossime 48 ore non lasciano presagire segni di miglioramento. E adesso si aggiunge l’incubo ghiaccio per chi dalla costa adriatica ogni giorno deve raggiungere il posto di lavoro.

Rimangono i ricordi della giornata con il Papa, il clima famigliare. Quel clima che fa di ogni comunità locale proprio una famiglia, che insieme, giorno dopo giorno, riscopre la speranza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori