PALAZZINA ESPLOSA A VELLETRI/ Roma, è morto il barbiere ferito nello scoppio in casa (ultime notizie)

- Emanuela Longo

Roma, esplode palazzina a Velletri: giallo sulle cause ma non si esclude una fuga di gas da una bombola. Almeno tre i feriti, di cui un ustionato grave.

palazzina_velletri_twitter
Esplode palazzina a Velletri (foto Twitter)

Purtroppo non ce l’ha fatta ed è morto il 50enne ferito ieri nello scoppio tremendo della sua palazzina a Velletri: si chiamava Piero Peroni, era un barbiere ed era il ferito più grave dopo l’esplosione avvenuta nella zona di Via Circonvallazione ieri pomeriggio. La palazzina di tre piani davanti alla stazione ferroviaria ieri sera è stata dichiarata inagibile e posta sotto sequestro su disposizione della procura: le cause ancora non sono certificate, ma pare sempre di più probabile la fuga di gas dato che il forte odore di gas metano proveniva proprio dall’appartamento del 50enne barbiere, ora purtroppo deceduto. Come spiega il Messaggero, «non risultano altri feriti refertati in ospedale, soolo due passanti sono stati colpiti in strada da qualche detrito dello scoppio ma in maniera lieve». Si cercano altri elementi per confermare l’origine della fragorosa esplosione, soprattutto per capire se si tratti di un evento colposo o se invece vi siano delle responsabilità di qualsivoglia genere. (agg. di Niccolò Magnani)

FUGA DI GAS DA UNA BOMBOLA?

Potrebbe essere stata una fuga di gas la causa dell’esplosione di una palazzina avvenuta nel tardo pomeriggio di oggi, poco prima delle 18:00, a Velletri, in provincia di Roma. Un forte boato, infatti, sarebbe stato avvertito in un appartamento al primo piano di una palazzina di tre in piazza Martedì d’Ungheria. Le notizie appaiono ancora molto confuse, ma dalle primissime informazioni rete note dal quotidiano Corriere.it, ci sarebbero almeno tre feriti, di cui due sarebbero stati già estratti dalle macerie. Dopo la violenta esplosione verificatasi attorno alle 17:40 sono immediatamente intervenute due squadre dei Vigili del fuoco del posto, con un’autobotte e un’autoscala. Sono stati proprio i pompieri entrati in azione a prestare la prima assistenza alle persone rimaste ferite, affidandole poi al personale sanitario. Tra loro, una avrebbe riportato delle ustioni e non si esclude che si tratti con ogni probabilità proprio del padrone dell’appartamento coinvolto nell’esplosione.

SI INDAGA SULLE CAUSE

La notizia della terribile esplosione avvenuta questo pomeriggio a Velletri è rapidamente circolata sui social dove in tanti hanno segnalato anche a distanza di diversi chilometri dal luogo in cui si è verificata, un fortissimo boato. Secondo le prime indiscrezioni, non si esclude che la causa sia da addebitare allo scoppio di un tubo del gas, anche se potrebbe essere dipesa da una bombola. Il bilancio dei feriti al momento appare ancora del tutto provvisorio ma, secondo RomaToday, i sanitari del 118 avrebbero già condotto la persona rimasta ustionata in ospedale. Dalle ultime notizie giunte da Repubblica, pare che proprio la persona trasferita sia anche la più grave. Si tratterebbe di un 45enne, nonché unico inquilino dell’appartamento in cui è avvenuta l’esplosione. Le sue condizioni sono apparse sin da subito così gravi da richiedere il trasferimento in ospedale con l’eliambulanza. Sempre via social sono giunte le prime immagini drammatiche della palazzina ridotta in macerie dopo la violenta esplosione. Sul posto, intanto, sono già giunti tutti gli organi di competenza intenti a capire se la deflagrazione avrebbe avuto origine da una tubatura o, ipotesi più probabile, da una bombola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori