Don Alessandro Minutella/ Il padre di una delle suore minutelliane: “non la sento da tre anni” (Le Iene)

- Silvana Palazzo

Don Alessandro Minutella a Le Iene Show. Il prete contro la Chiesa di Roma: “Bergoglio è stato scelto dalla massoneria”. Accusato di pratiche dannose per i fedeli, è stato “sospeso”

don_alessandro_minutella
Don Alessandro Minutella

Don Minutella avrebbe spinto alcune ragazze a diventare “suore” dell’ordine da lui stesso costituito ma non riconosciuto dalla Chiesa e a farle allontanare dalle rispettive famiglie. E’ questa la denuncia di un padre disperato, sentito telefonicamente dall’inviato de Le Iene, al quale ha detto: “E’ da più di tre anni che non sento mia figlia”. L’uomo avrebbe provato ad andarla a trovare nell’abitazione in cui le ragazze starebbero, “ma quando mi si dice ‘tu non sei più niente’… come fai?”, si è domandato il padre. “Ha perso tutti i contatti con il mondo precedente”, ha denunciato ancora l’uomo, che stenta ormai a riconoscere la figlia. Secondo il suo racconto, il religioso le diceva che la vicinanza con la famiglia era una “tentazione del demonio”, definendo tutto ciò delle “violenze psicologiche non indifferenti”. Anche secondo la suora – quella vera – intervistata dal programma, quanto messo in atto da Don Minutella sarebbe un “plagiare le persone”. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

ALLONTANATO DAL VESCOVO DI PALERMO MA CREA UN SUO ORDINE

Padre Minutelle è tornato nuovamente protagonista nel corso della passata puntata de Le Iene di ieri. Le sue posizioni contro la Chiesa e Papa Francesco, considerato “l’adepto di un progetto di distruzione della Chiesa Cattolica”, avevano fatto già ampiamente discutere. Lui si autodefinisce un martire, sebbene sia stato allontanato dal Vescovo di Palermo, impedendogli così di celebrare messa. A questo punto, il religioso ha deciso di realizzare un ordine di suore tutto suo nel paesello siciliano dove vive, ma senza alcun riconoscimento. Il curioso ordine delle Suore Minutelliane non sarebbe ovviamente riconosciuto ufficialmente dalla Chiesa ed infatti le vere suore ed alcuni sacerdoti del luogo non hanno riservato parole clementi nei confronti del Don e della sua “invenzione” controversa, definita “una cosa sbagliata”. Secondo le dichiarazioni di una suora, il parroco avrebbe coinvolto da sei anni alcuna ragazze “sbandate”. “Un giorno vennero tutte vestite di bianco con una bella fascia azzurra per imitare la Madonna, le aveva vestite da suore”, ha rivelato la religiosa. Secondo il suo racconto, una delle ragazze più grandi avrebbe detto: “Noi abbiamo promesso che siamo fedeli a quelli che lui dice”. Ciò che è emerso dal servizio de Le Iene, è che dal giorno della loro consacrazione, alcune di loro avrebbero addirittura deciso di non vedere più le loro famiglie. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

LE SUE IDEE SU RATZINGER E BERGOGLIO

Il prete che si è fatto la sua religione: si chiama così il servizio de Le Iene Show su don Alessandro Minutella. Il parroco sostiene di essere in contatto con la Madonna, con san Giuseppe e con san Michele Arcangelo. Inoltre, dichiara di aver ricevuto l’incarico di difendere la dottrina dall’eresia e la Chiesa cattolica dall’abbandono della tradizione. Come se non bastasse, sostiene che Ratzinger sia stato “fatto fuori” dalla massoneria, che avrebbe quindi deciso di puntare su Bergoglio. «Sono l’unico in Italia ad aver denunciato queste cose. Per questo sono un martire», ha dichiarato don Alessandro Minutella, come riportano Le Iene. L’arcidiocesi di Palermo ha invitato a lasciare Palermo e la parrocchia di san Giovanni Bosco. «Dì ai poteri forti che ti mandano che questa battaglia non va combattuta contro di me», la replica del prete.

“SE MANDATE IN ONDA QUESTO SERVIZIO, RISCHIATE”

Accusato di pratiche ritenute dannose per i fedeli, don Alessandro Minutella ha ignorato il provvedimento dell’Arcidiocesi palermitana. Lo scorso aprile, ad esempio, è stato protagonista di una messa-show, che ha trasmesso in diretta su Facebook. «La vera Chiesa vive il martirio, chi non obbedisce viene imbavagliato e buttato fuori», ha dichiarato, come riportato da La Stampa, ai suoi fedeli, invitandoli a «difendere la dottrina della Santa Chiesa Cattolica a venire fuori e salvare Roma». Don Minutella non intende insomma lasciare il suo incarico. «Ma non temo le loro sanzioni, per me sono un onore», ha intimato. E ha parlato anche di «grande apostasia, martirio ed emarginazione». Richiamato al silenzio e all’obbedienza, sta facendo discutere anche per le sue uscite. «Sei disturbato, forse hai bisogno di un esorcismo. Se mandate in onda questo servizio, rischiate», ha ad esempio dichiarato all’inviato de Le Iene Show. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori