Tentato rapimento in oratorio/ Milano, donna arrestata: “nostalgia dei figli”. I 2 fermati non erano fratelli

- Niccolò Magnani

Tentano di rapire tre bambini in oratorio a Carugate (Milano): fermati e arrestati una coppia keniota, bloccati dalle urla dei bimbi e dalla pronta reazione dei genitori

oratorio_parrocchia_giochi_pedofilia_lapresse_bambini_scuola_2017
Oratori e chiese: immagini di repertorio (LaPresse)

Non erano fratelli, erano ubriachi e l’avrebbero fatto “per nostalgia dei figli”: le novità che arrivano alla vigilia della convalida del fermo per i due tentati rapitori dei bimbi in un oratorio appena fuori Milano sono importanti e danno un quadro della strana vicenda capitata nell’oratorio milanese la scorsa domenica pomeriggio piuttosto decisivo. Aveva nostalgia dei figli che non vivono più con lei: è questa, a quanto si apprende, la motivazione data agli investigatori dalla 34enne keniota bloccata dai Carabinieri. Il cineteatro Don Bosco di Carugate ha vissuto attimi di paura ma per fortuna la coppia è stata fermata: non si tratterebbe tra l’altro di due fratelli, bensì due fidanzati (una relazione però nata poco tempo prima). Saranno sentiti contestualmente dagli inquirenti, ai quali potranno fornire la loro versione di quanto successo assistiti dall’avvocato Christian Cerniglia: intanto, come avevano raccontato anche alcuni testimoni nei primissimi attimi dopo il tentato rapimento, i due originari del Kenia sarebbero stati sotto effetto dell’alcol nel momento dell’azione maldestra e pericolosa.

IL TENTATO RAPIMENTO IN ORATORIO

Notizia choc che arriva da Milano, per la precisione da un oratorio della periferia a Carugate (al confine con con la provincia di Monza e Brianza): tre bambini stavano per essere rapiti all’interno della parrocchia ieri, domenica pomeriggio quando gli oratori sono normalmente affollati e i minori sono in tanti e difficilmente tutti controllabili. Ma questa volta non si tratta di una fuga e o di un allentamento ma di un rapimento in piena regola: secondo il racconto dell’Ansa Milano, un uomo originario del Kenya e la sorella (38 e 34 anni) hanno tentato di sequestrare tre minori di 7, 10 e 11 anni portandoli letteralmente fuori dalla parrocchia strattonandoli. Sarebbe intervenuta per prima la donna che con la forza ha tentato di condurre i tre ragazzini verso il fratello 38enne che li attendeva fuori in auto (non è stata data ancora l’identità precisa dagli inquirenti, ndr). Le urla però dei ragazzi e la scena assai innaturale hanno portato alcuni genitori a tentare di bloccare il rapimento, con la donna che assieme al fratello sono subiti scappati.

ARRESTATI I DUE RAPITORI

Nel giro però di pochissimi minuti una pattuglia dei Carabinieri è intervenuta per bloccare definitivamente la fuga della coppia, arrestandoli e trasferendoli entrambi a San Vittore dove ora sono in custodia cautelare in attesa delle prime decisioni del magistrato competente. L’allarme è stato dato da alcuni genitori che hanno visto i bambini allontanarsi con la coppia nel corridoio dell’oratorio e si sono messi all’inseguimento dei due adulti, urlando: i Carabinieri hanno setacciato l’area fino a che i due originari del Kenya ma residenti a Vimercate sono stati bloccati senza più possibilità di fuga. Al momento le motivazioni sul tentato rapimento e sequestro sono del tutto sconosciute, con le ipotesi che rimangono perciò tutte aperte, dalla pedofilia alla richiesta di riscatto fino a scopi terroristici; quella che sappiamo è che se non fosse stato per l’imprudenza dei due aggressori e alla prontezza dei genitori lì presenti ora staremmo raccontando un’altra storia assai più drammatica. L’oratorio è posto sotto controllo al momento con i due fratelli che sono accusati di tentato sequestro di persona, in attesa della decisione del giudice.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori