Ultime notizie/ Di oggi, ultim’ora: Firenze, turista americana denuncia stupro (17 ottobre 2017

- Fabio Belli

Ultime notizie di oggi, ultim’ora: a Zurigo sorteggio dello spareggio-Mondiale per l’Italia. Catalogna, il Premier Puigdemont chiede 2 mesi di dialogo, ma Madrid nicchia. (17 ottobre 2017)

Bernardeschi_DeRossi_Eder_Italia_lapresse_2017
Nazionale, oggi il sorteggio dello spareggio (foto LaPresse)

FIRENZE, TURISTA AMERICANA DENUNCIA STUPRO

Un nuovo caso di stupro ancora ai danni di una turista americana, a Firenze. La giovane, 24 anni, secondo le sue dichiarazioni, sarebbe stata aggredita da “uno straniero” conosciuto in una discoteca con il quale è andata via verso le sei di mattina. A quel punto, sempre secondo quanto da lei dichiarato, avrebbe subito violenza sessuale. In realtà la ricostruzione dell’episodio è alquanto fumosa. Sempre secondo la ragazza, l’uomo l’avrebbe riaccompagnata al b&b dove alloggia con alcune amiche alle 7 del mattino, ricostruzione che appare alquanto improbabile. La ragazza ha anche detto di aver bevuto diversi drink durante la nottata. Le forze dell’ordine stanno controllando i filmati delle telecamere di sicurezza della zona. (Agg. Paolo Vites)

ISIS, RAQQA E’ STATA LIBERATA DALL’ISIS

Secondo l’Osservatorio per i diritti umani le forze curde e americane avrebbero definitivamente liberato Raqqa, l’ultima roccaforte dell’Isis, dai terroristi islamici che l’hanno occupata per tre anni. L’ultima sacca di resistenza intorno allo stadio sarebbe caduta nelle ultime ore. La battaglia era cominciata lo scorso giugno, l’esercito di liberazione curdo era sostenuto da forze americane, era l’ultima grande città siriana ancora in mano all’Isis, capitale del califfato in Siria mentre Mosul, capitale irachena, era già stata liberata la scorsa estate. A Raqqa si concentravano le migliaia di foreign fighters arrivati da mezzo mondo: la maggior parte è morta, ma adesso il problema è capire che fine faranno gli ex combattenti dell’Isis. (Agg. Paolo Vites)

TORINO, INDAGATO IL SINDACO APPENDINO

Il sindaco di Torino, Chiara Appendino, risulta indagata per falso in atto pubblico. La vicenda fa riferimento al bilancio del comune, insieme a lei è indagato anche l’assessore al bilancio Sergio Rolando. Secondo quanto si apprende, la guardia di finanza è intervenuta dopo la segnalazione di un ammanco di 5 milioni di euro tolto dal bilancio, un debito che però risulta aperto dalla giunta precedente, quella dell’ex sindaco Fassino, con la società Ream della Fondazione Crt, una somma anticipata per un diritto di prelazione per la costruzione di un centro commerciale sull’area ex Westinghouse. Sempre secondo l’accusa, il sindaco, nel chiudere il bilancio, ha fatto posticipare il debito di un anno. A presentare l’esposto contro il sindaco il capogruppo del Pd e quello del centrodestra. (Agg. Paolo Vites)

GALLARATE, RITROVATA LA RAGAZZA SCOMPARSA

Dafne Di Scipio, la ragazza ventenne di Gallarate che risultava scomparsa da sabato scorso, è stata ritrovata. C’era preoccupazione sul suo conto in quanto era stata vista per l’ultima volta nel cosiddetto bosco dei drogati poco distante dalla cittadina del varesotto e secondo una testimonianza sarebbe stata vista allontanarsi con due spacciatori nordafricani. La giovane è stata trovata presso un autogrill, non è chiaro cosa sia successo. Il suo compagno era anche lui nel bosco sabato notte e la sua macchina, ha detto, è stata incendiata da uno spacciatore. Tutto l’episodio sembra avere a che fare con la malavita criminale che da tempo agisce nel bosco spacciando stupefacenti. (Agg. Paolo Vites)

MONDIALI, OGGI IL SORTEGGIO DEGLI SPAREGGI

Giornata importantissima per la Nazionale italiana di calcio, che nell’urna di Zurigo scoprirà la propria avversaria nei play off che si svolgeranno tra il 9 e il 14 novembre. In palio un posto ai Mondiali di Russia 2018, in caso di eliminazione gli Azzurri mancherebbero l’appuntamento dopo 60 anni (Svezia 1958). La Nazionale di Ventura sarà nella stessa urna di Svizzera, Croazia e Danimarca. Le possibili avversarie saranno dunque Irlanda del Nord (proprio la squadra che non permise all’Italia di partecipare ai Mondiali del 1958), la Svezia, l’Irlanda e la Grecia.

UCCISA UNA BLOGGER A MALTA

Un attentato in puro stile terroristico ha stroncato la vita a Daphne Caruana Galizia, una giornalista maltese da sempre impegnata nel giornalismo investigativo. La donna viaggiava a bordo della sua auto, quando a pochi centinaia di metri la sua vettura è stata investita dalla deflagrazione di una bomba posta sul ciglio della strada. La giornalista aveva partecipato a importanti “scoop giornalistici”, non ultimo quello che interessava la corruzione del primo ministro dell’isola Muscat. Ed è stato lo stesso Muscat che commentando l’uccisione si è detto colpito per il “barbaro fatto di sangue”, un assassinio che al di la delle critiche personali lo ha letteralmente sconvolto. Sull’attentato indaga la polizia maltese, che non ha fatto sapere di non escludere nessuna pista, neppure quella “amorosa”.  

IL PREMIER CATALANO CHIEDE 2 MESI DI DIALOGO

Continua il braccio di ferro tra la Catalogna e il governo di Madrid, con il premier regionale Carles Puigdemont che di fatto continua a tergiversare sull’indipendenza della propria terra. A Puigdemont il governo centrale aveva inviato un ultimatum allo scopo di chiarire la sua posizione, egli nei discorsi successivi al referendum non aveva mai parlato esplicitamente di indipendenza, e non lo ha fatto rispondendo all’ultimatum. Da parte sua Mariano Rajoy la risposta la pretende, anche perché di concorso con il sovrano è pronto a “commissariare” la regione. La contromossa di Madrid ha di fatto messo in difficoltà il premier catalano, che si è trovato costretto ad annullare la riunione del parlamentino regionale, forte il rischio che i parlamentari siano arrestati in blocco dagli agenti della Guardia Civil inviati allo scopo di sedare qualsiasi manifestazione.  

È INDAGATO PER OMICIDIO IL LEGALE CHE HA UCCISO UN LADRO 

È indagato per “omicidio volontario”, Francesco Palumbo, il legale civilista 47enne che ieri pomeriggio ha ucciso un ladro di origini campane, che si era introdotto nell’appartamento degli anziani genitori. Per il Pubblico Ministero di turno quella morte poteva essere evitata, stante il fatto che una volta scoperto il ladro stava allontanandosi. Palumbo era intervenuto in una palazzina alla periferia di Latina dopo che l’allarme a casa dei genitori era scattato, una volta giunto sul luogo aveva incrociato 3 uomini che ancora con la refurtiva in mano stavano allontanandosi, Palumbo ha estratto la pistola e intimato loro di fermarsi, mentre però stava chiamando la polizia è accaduto l’irreparabile, uno dei 3 malviventi si è avvicinato con una mano in tasca, l’uomo ha avuto paura ed estratta l’arma, regolarmente detenuta, ha fatto fuoco. Gli investigatori in tale contesto hanno fatto sapere di aspettare le risultanze dell’esame balistico per procedere ad un accusa più circostanziata.

OPHELIA METTE IN GINOCCHIO PORTOGALLO, SPAGNA E IRLANDA 

Ampiamente annunciato è arrivato l’uragano Ophelia con tutta la sua potenza distruttiva. La tempesta che si è abbattuta prima su Portogallo e Spagna sta colpendo in queste ore l’Irlanda, con il premier dello stato di San Patrizio Leo Varadkar che ha mobilitato l’esercito. Oltre 360.000 le persone che a causa dei venti tumultuosi sono rimaste senza luce, ben più grave la situazione nella penisola iberica che conta già 31 morti accertati, la maggior parte deceduti in roghi alimentati dai venti che soffiano a oltre 150 km/h.

SERIE A, PRIMA VITTORIA DEL VERONA NEL POSTICIPO, IL BENVENTO RESTA AL PALO

E’ stato un gol di Romulo a decidere il posticipo di Serie A tra Hellas Verona e Benevento allo stadio Bentegodi. In una partita giocata per gran parte in superiorità numerica per l’espulsione di Antei, gli scaligeri hanno faticato per trovare la via del gol, ma alla fine sono riusciti a passare in vantaggio grazie a Romulo, bravo a sfruttare un assist di Verde. Prima vittoria per i gialloblu che salgono a quota sei in classifica, per il Benevento invece ottava sconfitta consecutiva e ancora zero punti. Rimpianti nel finale per i sanniti per una nitida occasione da gol mancata da Iemmello sottoporta.

CHAMPIONS LEAGUE, SARRI SFIDA GUARDIOLA E TUONA CONTRO LA LEGA 

Il tecnico del Napoli, Maurizio Sarri, ha caricato in conferenza stampa la sua squadra in vista dell’importantissima partita di stasera in Champions League contro il Manchester City. “Dovremo essere folli nel provare a fare la gara. Parlare di accorgimenti tattici contro una squadra così è una masturbazione mentale. L’unica cosa che chiedo al Napoli è di non aver paura. Ci vuole il giusto timore degli avversari perché la paura ti dà negatività, ti penalizza. Poi mi piacerebbe avere 11 facce di c… che vogliano palleggiare in faccia al Manchester City”  E tuona contro la Lega: “Domani rappresentiamo l’Italia su un campo importante, ma ci hanno fatto giocare pochi giorni fa con la Roma e poi subito con l’Inter uno scontro diretto. Anche per l’ultima giornata che per noi sarà decisiva c’è Napoli-Juventus mentre loro probabilmente potrebbero passare prima, questo evidenzia quanto siano inadatti in Lega. Se noi vogliamo diventare forti dobbiamo giocare le grandi partite, senza accontentarci di esserci, al mondo non c’è nulla meglio della Champions. Poi inconsciamente la testa può fare altro”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori