Blocco traffico Milano e Torino/ Domani stop auto Diesel Euro 4: Sala vara misure anti-smog di secondo livello

- Niccolò Magnani

Blocco traffico Torino e Milano, stop auto Diesel Euro 4 e 5 revocato per oggi e domani: previsioni però non  migliorano lo smog. Pronti nuovi blocchi a Milano, ecco chi circola e chi no

smog_inquinamento_pm10_milano_lapresse
Blocco traffico Milano, Bologna e Torino (Foto: LaPresse)

I valori di Pm10 nell’aria di Milano non sono migliorati e dunque scatta la fase 2 delle misure anti-smog: il sindaco Sala ha deciso con il Consiglio Comunale di passare alle misure di secondo livello da domani 24 ottobre 2017, dopo 12 giorni di superamenti dei livelli consentiti di smog nell’aria di Milano. «Le nuove misure stabiliscono che dal lunedì alla domenica compresa, dalle 8:30 alle 18:30, è vietata la circolazione ai veicoli per il trasporto persone e alimentati a gasolio fino alla classe 4 inclusa, così anche per i veicoli per il trasporto merci alimentati a gasolio fino alla classe 3 compresa; divieto dalle 8:30 alle 12:30 per i veicoli trasporto cose Euro 4 diesel», spiega il comunicato del Comune di Milano. I dati di ieri sono infatti ancora preoccupanti per l’allerta inquinamento nel territorio lombardo: la media dei livelli delle micropolveri PM10, registrata in provincia di Milano dal sito di ARPA Lombardia nella giornata di ieri, si attesta a 80.1 microgrammi per metro cubo. Tale misure resteranno attive  fino a quando non saranno certificati per due giorni consecutivi valori sotto i 50 microgrammi.

TREGUA A TORINO

La situazione in Piemonte e in Lombardia per lo smog è traballante: le piogge hanno evitato l’inasprimento di un blocco traffico auto per le giornate di oggi e domani, ma il ritorno del bel tempo e la scomparsa del vento rischia di portare di nuovo la situazione ai livelli di emergenza avuti fino al weekend appena passato. Torino ha revocato per oggi il blocco dei veicoli diesel, Milano lo mantiene e valuta di inasprirlo: la decisione del comune amministrato dalla giunta Appendino arriva dopo che le piogge e il vento hanno portato un miglioramento, con la concentrazione del particolato scesa a 33 microgrammi per metro cubo. «Il vento ha ridotto i valori di Pm10 e così la Città di Torino ha deciso di revocare il blocco delle auto diesel (Euro 3,4 e 5), ripristinando le misure base – ha informato a tarda sera una nota del Comune -. L’allerta resta alta in attesa dei nuovi dati che saranno forniti domani (ndr: oggi per chi legge), alle ore 12, sulla base dei quali l’amministrazione comunale deciderà come agire nei giorni successivi».

PRONTI NUOVI BLOCCHI A MILANO

Milano invece ha deciso di mantenere il blocco auto iniziato la scorsa settimana e che prevede l’estensione agli Euro 4 Diesel Merci: il motivo è da imputare al fatto che da mercoledì torna l’alta pressione con condizioni favorevoli all’accumulo di Pm10. Sabato è stata la giornata peggiore con le polveri sottili che hanno raggiunto il picco di 128,7 microgrammi al metro cubo. Leggermente migliorata, come a Torino, la situazione tra domenica e lunedì anche se per i prossimi giorni appunto la previsione non è delle migliori: «Se le polveri rilevate nella giornata di ieri non dovessero essere scese sotto i limiti dei 50 microgrammi, il Comune farà scattare il nuovo livello di blocchi straordinari che si andrebbero ad aggiungere a quelli decisi il 17 ottobre con il divieto, dal lunedì alla domenica, in tutta la città, di circolazione per i veicoli per il trasporto delle persone alimentati a gasolio fino alla classe 4 inclusa, dalle 8.30 alle 18.30 e ai veicoli per il trasporto merci sempre a gasolio fino alla classe 3 compresa dalle 8.30 alle 12.30», spiega il Corriere Milano. Se invece poi si dovesse passare allo stop di secondo livello, come sembra avverrà per le condizioni meteo che non aiuteranno, allora il blocco arriverà per trasporto merci a gasolio di classe emissiva Euro3 dalle 8.30 alle 18.30 e dalle 8.30 alle 12.30 ai veicoli per il trasporto merci alimentati a gasolio di classe emissiva Euro 4.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori