FAVOLE GAY/ Video, Pavia parroco caccia gli attivisti dal sagrato della chiesa: “qui, no”

- Paolo Vites

L’Arcigay di Pavia occupa senza permesso il sagrato di una chiesa per raccontare favole trans ai bambini, il parroco li caccia, ecco il video che documenta il momento

bambini_asilo_nido_pixabay_2017
Android, Google

Era già intervenuto nei giorni scorsi il vescovo di Pavia, monsignor Corrado Sanguineti, commentando dispiaciuto la scelta del comune di dare spazio nelle maggiori piazze della città lombarda a gruppi dell’Arcigay il cui programma era raccontare favole a contenuto trans e omosessuale ai bambini. L’iniziativa, denominata Favole Arcobaleno, era all’interno di una manifestazione, GIOCAnda che si tiene da anni a Pavia, quest’anno appunto con la novità dei racconti a tema gay e trans. Alcuni di loro si sono recati nella piazza dove sorge la chiesa del Carmine e senza chiedere il permesso a nessuno hanno piazzato i bambini intervenuti sul sagrato e sulle scale di ingresso dell’edificio religioso con tanto di bandiera arcobaleno. Dopo un paio d’ore dalla messa in scena è intervenuto il parroco don Daniele Baldi che ha invitato i gruppi Arcigay ad allontanarsi dalla chiesa, spiegando, giustamente, che anche le scale fanno parte della chiesa e nessuno aveva detto loro che potevano piazzarsi lì.

E’ seguito una discussione con la presidente Arcigay Pavia Barbara Bassani e altri membri che hanno ovviamente fatto la parte delle vittime: “Il parroco ha mandato via soltanto noi, non anche le altre associazioni che si trovavano sul sagrato e stavano ad esempio truccando i bambini e questo è la prima volta che accade in Italia”. Sono intervenuti rappresentanti del comune che hanno invitato l’Arcigay a spostarsi dal sagrato della chiesa e a occupare la piazza altrove. In segno di “solidarietà” anche gli altri gruppi presenti si sono spostati nella parte centrale della piazza. Immaginatevi se un prete fosse andato a pregare dentro una sede Arcigay: avrebbero chiamato la polizia. Complimenti al coraggioso parroco che ha sfidato da solo la prepotenza di indottrinatori di bambini innocenti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori