Ultime notizie/ Di oggi, ultim’ora: tangenti sanità, nuovo processo per Formigoni (25 ottobre 2017)

- Matteo Fantozzi

Ultime notizie di oggi, ultim’ora: dal 2019 in pensione a 67 anni. Si profila un venerdì nero per i trasporti. Rosatellum bis fiducia anche in Senato. (25 ottobre 2017).

moneta_denaro_soldi_contanti_lapresse_2017
Lapresse

FORMIGONI, NUOVO PROCESSO PER TANGENTI

Dopo essere stato condannato a sei anni in primo grado nell’ambito dell’inchiesta sulla Fondazione Maugeri, si apre per l’ex governatore della Lombardia, Roberto Formigoni, un nuovo caso. Si dovrà presentare a processo il prossimo 15 gennaio con l’accusa di aver favorito un imprenditore, già membro di Forza Italia, Massimo Guarischi, consulente di case farmaceutiche. Questi era già stato condannato in appello a 5 anni di carcere in quanto ritenuto collettore di mazzette. Nella nuova inchiesta, Formigoni è accusato di aver ricevuto “utilità”, cioè vacanze pagate, per un totale di 447mila euro. In cambio avrebbe cercato di far comprare ad alcuni ospedali apparecchiatura diagnostica acceleratore lineare Vero venduta dal Guarischi. A Formigoni sarebbero state pagate vacanze in Sudafrica, Croazia, voli su jet privati in Valtellina e a San Moritz oltre ad “anticipazioni e pagamenti di spese da parte di Guarischi in suo favore per pranzi e cene in ristoranti”. (Agg. Paolo Vites)

SANTUARIO MONTECASTELLO, RUBATE RELIQUIE DI SAN GIOVANNI PAOLO II

Gravissimo furto sacrilego al Santuario Montecastello a Tignate sul lago di Garda in provincia di Brescia. Alcuni criminali hanno rubato le reliquie presenti nel santuario con il sangue di San Giovanni Paolo II e i frammenti ossei del beato Jerzy Popielusko, sacerdote polacco ucciso dal regime comunista. Secondo le prime ricostruzioni i ladri si sono finti turisti entrando nel monastero e al momento di chiusura in serata hanno rubato le reliquie dall’altare maggiore. Il custode se ne è accorto solo il giorno dopo. Un fatto gravissimo, evidentemente le misure di sicurezza del santuario sono del tutto inadeguate. (Paolo Vites)

ALITALIA, FONDO AMERICANO SI DICE INTERESSATO

Il fondo speculativo Cerberus si fa avanti con l’intenzione di rilevare Alitalia da tempo sull’orlo del fallimento. Nelle ultime settimane Lufthansa e Easyjet si erano dette interessate ad acquistarla almeno in parte, adesso gli americani pur non avendo presentato offerte in asta avrebbero proposto di rilevare le attività di volo e quelle di terra, nel caso fosse possibile ristrutturarle. Essendo un fondo americano, per legge potrebbe rilevare solo il 49% di Alitalia. Ai dipendenti sarebbe offerto un piano di partecipazione azionaria insieme allo stato italiano. In passato Cerberus aveva rilevato Air Canada, ma avevano fatto una strage, licenziando il 24% dei dipendenti, ritoccato stipendi e fondo pensione. (Agg. Paolo Vites)

ROSATELLUM BIS FIDUCIA ANCHE IN SENATO

È stata definita l’ennesima violenza al Parlamento, la richiesta di fiducia operata dal governo Gentiloni per la nuova legge elettorale in discussione nelle aule del Senato. La fiducia era ampiamente prevedibile dopo i fatti della Camera, ma tante sono state le proteste quando essa è stata ufficializzata dal Ministro per i rapporti con il Parlamento. I senatori grillini si sono immediatamente calati una benda sul volto come a dimostrare che questa è un approvazione alla cieca, proteste anche dalla minoranza interna del Partito Democratico che aveva chiesto di poter procedere alla discussione. In tale contesto il capogruppo di MDP Roberto Speranza ha evidenziato come nei atti vi sia un accordo tra Renzi e Berlusconi, accordo che di fatto mette fuori gioco il suo movimento.

LOTITO SI DISSOCIA DAGLI ULTRÀ

Che sia una goliardia o la reale disconoscenza di quello che Anna Frank rappresenta nel mondo non ha importanza, di certo l’idea di produrre la figurina della ragazzina trucidata dalla barbarie nazista, che indossava una maglia della Roma è stata condannata da tutto il mondo del calcio. Lo stesso presidente del club laziale, i cui ultrà si sono resi responsabile della bravata, quest’oggi ha voluto sgombrare il campo dalle polemiche e recandosi presso la sinagoga romana, ha voluto porgere le sue scuse al rabbino capo per quanto avvenuto. In tale contesto il patron laziale ha fatto sapere che dal prossimo anno organizzerà un viaggio ad Auschwitz, in maniera tale da tenere alta l’attenzione sul fenomeno dell’antisemitismo, sempre Lotito ha fatto sapere che in occasione della giornata infrasettimanale la sua squadra scenderà in campo con sulla maglia l’effige della Frank.

DAL 2019 IN PENSIONE A 67 ANNI

L’automatismo introdotto dalla famigerata legge Fornero legato all’aumento dell’aspettativa di vita, costringerà il governo a dover allungare l’età in cui gli italiani potranno andare in pensione, dal 2019 essa per questo motivo salirà a 67 anni. Questo è quanto comunicato quest’oggi dai presidenti della commissione Lavoro di Camera e Senato, Cesare Damiano e Maurizio Sacconi, con gli esponenti politici che hanno evidenziato che non è in loro potere fermare l’aumento, in quanto automatico. La norma approvata nel 2011 prevedrebbe comunque l’innalzamento dell’età pensionabile a partire dal 2021. Immediate le proteste dei sindacati, con tutti i maggiori leader che chiedono di posticipare quello che loro stesso chiamano una “follia”.

SI PROFILA UN VENERDÌ NERO PER I TRASPORTI

Dalla sera di giovedì alla notte di venerdì sarà difficile muoversi in Italia, a causa di una raffica di scioperi indetti da quasi tutte le sigle sindacali. A fermarsi con modalità e orari diversi bus, metro, aerei e navi, con i lavoratori che incroceranno le braccia per protestare per il mancato adeguamento salariale. Il trasporto più colpito sarà quello ferroviario, che fatta salva l’alta velocità, dovrebbe fermarsi completamente. A rischio anche i collegamenti aerei, qui a protestare saranno solo alcune sigle sindacali minori, ma è previsto lo stop totale delle operazioni di terra negli aeroporti di Firenze e Pisa, stop che potrebbe portare disagi in tutto il paese, fermi anche i lavoratori di Mistral Air.

SERIE A, L’INTER CONTINUA A VINCERE OGGI IN CAMPO JUVENTUS E NAPOLI

Non c’è stato tempo nemmeno di archiviare una giornata di Serie A che ne è iniziata subito un’altra. Ieri infatti c’è stato l’anticipo della decima giornata che ha visto l’Inter vincere 3-2 allo Stadio Giuseppe Meazza contro la Sampdoria. La squadra di Luciano Spalletti è partita molto forte andando in doppio vantaggio nel primo tempo con le reti di Milan Skriniar e Mauro Icardi, nella ripresa pronti-via ancora Icardi porta i nerazzurri sul 3-0. La Samp però riesce ad accorciare andando in rete con Kownacki e Quagliarella. Stasera tornano in campo anche la Juventus, che ospita la Spal, e il Napoli, fuori casa contro il Genoa. I bianconeri devono vincere per non farsi staccare dai nerazzurri, mentre gli azzurri hanno bisogno di tre punti per tornare in testa. C’è poi il Milan di Vincenzo Montella reduce da un punto nelle ultime quattro gare che va in casa del Chievo Verona. La Roma di Eusebio Di Francesco ospita invece il Crotone di Davide Nicola e vuole continuare a fare bene dopo aver rialzato la testa dal ko contro il Napoli di due settimane fa. Completano la giornata le seguenti partite: Atalanta-Verona, Bologna-Lazio, Cagliari-Benevento, Fiorentina-Torino e Sassuolo-Udinese.

IL MILAN DICE ADDIO ALL’ADIDAS

Clamoroso stravolgimento in casa Milan che non riguarda però la panchina. Alla vigilia della gara contro il Chievo Verona la società ha annunciato la fine dello storico rapporto con l’Adidas che durava da venti anni. Dall’anno prossimo i rossoneri saranno sponsorizzati dalla Puma con la quale hanno firmato un accordo da 10-15 milioni di euro all’anno anche se al momento il tutto non è ufficiale. L’annuncio dovrebbe arrivare nelle prossime settimane. Il Milan nel comunicato ufficiale ha ringraziato l’Adidas per i successi raggiunti insieme e non sono pochi, si parla di 2 Coppe dei Campioni, 1 Coppa del Mondo per Club, 2 Supercoppe Europee, 3 Scudetti, 3 Supercoppe Italiane e 1 Coppa Italia. L’ultimo è proprio quello della Supercoppa dello scorso anno, vinta a Doha contro la Juventus.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori