STUDENTE PRENDE A PUGNI LA PROF/ Cagliari, aggressione dopo rimprovero per l’uso del cellulare

- Emanuela Longo

Studente prende a pugni la prof: è successo in una scuola in provincia di Cagliari dove un 14enne ha aggredito l’insegnante per averlo rimproverato sull’uso del cellulare.

carabinieri_lapresse_2017
Carabinieri (LaPresse)

Ha dell’incredibile la violenta aggressione avvenuta in una scuola in Sardegna da parte di un giovane studente, ai danni di una malcapitata professoressa. A riportare la notizia è Il Messaggero nella sua edizione online, che racconta quanto avvenuto nell’istituto Alberghiero di Monserrato, in provincia di Cagliari. Qui, nella medesima giornata, uno studente su di giri sarebbe stato protagonista di due episodi spiacevoli e di una doppia aggressione che hanno reso necessario, in entrambi i casi, l’intervento delle forze dell’ordine. Prima sarebbe scaturita una violenta lite con un altro studente, iniziata all’esterno della scuola e continuata anche all’interno. In questo caso la discussione si era consumata prima dell’inizio dell’orario scolastico, all’esterno dell’istituto ma ciò aveva portato all’intervento di una docente nel tentativo di placare gli animi. La lite sembrava ormai domata, ma una volta dentro la scuola sarebbe invece proseguita fino a portare alla nascita di una vera e propria aggressione, tale da dover chiamare il 112 e far giungere i Carabinieri nell’Istituto alberghiero.

INSEGNANTE FINITA A TERRA E SVENUTA

Una giornata all’insegna della violenza, quella vissuta da uno studente sardo, che dopo essere stato coinvolto in una brutta faccenda all’inizio dell’orario scolastico, ha concluso in bellezza con una nuova aggressione. Questa volta però, vittima dei modi violenti del giovane sarebbe stata una malcapitata professoressa, rea di aver rimproverato lo studente 14enne per aver usato il cellulare in classe. Un rimprovero che non sarebbe andato affatto giù al ragazzino impertinente che avrebbe così reagito colpendo l’insegnante con un pugno in pieno viso. La docente sarebbe così finita rovinosamente a terra ed avrebbe perso i sensi per qualche istante, complice anche la grande paura. Un’altra insegnante anche lei presente in aula l’avrebbe prontamente soccorsa. Sul posto sono così nuovamente tornati i Carabinieri, questa volta accompagnati da un’ambulanza i cui soccorritori hanno provveduto a trasportare la vittima in ospedale dove è stata medica e dove le è stata data una prognosi di tre giorni. Sotto choc anche la preside della scuola, che dopo l’episodio ha commentato interdetta: “Non erano mai accaduti episodi di questo genere e di questa gravità, abbiamo convocato gli organi collegiali per prendere i dovuti provvedimenti disciplinari nei confronti dei responsabili. La nostra è sempre stata una scuola tranquilla, in cui i ragazzi rispettano le regole”. A quanto pare, a creare qualche problema in questa apertura di anno scolastico sarebbero stati gli studenti “poco scolarizzati” giunti dalle medie. Si tratta di pochi elementi, fortunatamente, nei quali la dirigente avrebbe intravisto l’assenza di valori e contro i quali saranno ora presi i dovuti provvedimenti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori