INCIDENTE STRADALE/ Torino, auto contro palo della luce: morti due ragazzi di 17 e 19 anni (oggi, 7 ottobre)

- Dario D'Angelo

Incidente stradale: due ragazzi di 17 e 19 anni hanno perso la vita dopo che l’auto guidata da un amico, 22 anni, è finita contro un palo della luce. Ciclista investito a Montelupo (Firenze)

incidente_stradale_triangolo_pixabay_2017
Pesaro, esce e si imbatte nell'incidente mortale del figlio (Pixabay)

Si aggrava ogni giorno di più il bilancio dei morti per incidente stradale nel nostro Paese. L’ultima tragedia è avvenuta in provincia di Torino, sulla strada provinciale Alpignano-La Cassa, intorno alle 21 di ieri. Due giovani, un ragazzo di 17 e uno di 19 anni, hanno infatti perso la vita dopo che la macchina guidata da un loro amico di 22 anni è finita contro un palo della luce. Non è ancora chiara la dinamica che ha portato all’incidente, ma La Repubblica ha chiarito che tutti i soggetti coinvolti nell’impatto fossero di origine sinthi. Le vittime sono Sigel Laforè, 19 anni, e Kevin Argenta, 17 anni. Da una prima ricostruzione pare che nessuno dei ragazzi della comitiva indossasse la cintura di sicurezza: ecco perché i tre giovani, a bordo di una Lancia Ypsilon, sono stati sbalzati fuori dall’abitacolo. Il maggiore dei tre ragazzi sarebbe gravemente ferito ma non in pericolo di vita. 

CICLISTA INVESTITO

Sono spesso i meno tutelati per strada e anche oggi, sabato 7 ottobre 2017, ci troviamo costretti a parlare di un nuovo incidente che ha visto coinvolto un ciclista. Come riportato dal portale 055firenze.it, un 39enne è stato infatti investito mentre si trovava in sella alla propria bicicletta in località Montelupo Fiorentino. Il sinistro sarebbe avvenuto quando erano da poco trascorse le ore 9 di oggi, per la precisione in via, Cacciacane.  Subito sul luogo dell’incidente sono intervenuti gli agenti della Polizia Municipale nonché i mezzi sanitari della Misericordia Montelupo e l’automedica di Empoli. Per fortuna il ciclista 39enne dovrebbe cavarsela con una prognosi di qualche giorno: l’uomo, infatti, è stato ricoverato in codice verde al pronto soccorso dell’ospedale San Giuseppe di Empoli ma non è in pericolo di vita. Almeno per questa volta si può tirare un sospiro di sollievo. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori