METEO/ Tempo stabile su quasi tutta Italia: ma ancora per poco…(oggi, 21 novembre 2017)

- Dario D'Angelo

Meteo: l’alta pressione oceanica garantirà una stabilità pressoché uniforme su tutta l’Italia ancora per i prossimi 4 giorni. Poi arriverà l’ondata di maltempo: i dettagli

meteo_nuvole_1_lapresse_2017
Meteo Pasqua e Pasquetta - La Presse

Il meteo di oggi, 21 novembre 2017, parla di un’Italia sotto l’influsso dell’alta pressione oceanica. GLi effetti sono visibili pressoché su tutta la Penisola: tempo stabile da Nord a Sud, con pochissime eccezioni. Qualche pioggia si riscontra soltanto in Liguria (in particolare nella provincia spezzina) e sui rilievi del Trentino Alto Adige, dove le basse temperature potrebbero portare anche qualche fiocco di neve. Stabilità, però, non significa però sole ovunque: le regioni del Centro Italia ne sono l’esempio lampante. Nubi su Lazio, bassa Toscana e Umbria: ma in nessuna di queste regioni sono attesi rovesci per la giornata di oggi. Al Sud soleggiato ovunque ad eccezione di alcuni settori della Sicilia. Nello specifico, con il passare delle ore, soprattutto la provincia di Agrigento potrebbe essere teatro di piogge isolate. 

MALTEMPO IN ARRIVO

L’assenza di rovesci, in questi giorni, alimenterà i livelli di smog soprattutto sulle grandi città italiane. L’emergenza dovrebbe durare un massimo di 4 giorni: dal 25 novembre in poi, infatti, si attende un’ondata di maltempo che dovrebbe investire tutto il Paese. Come chiarisce 3bmeteo.com, l’anticiclone disteso lungo il Mediterraneo verrà disturbato dalle correnti atlantiche che forzeranno il loro ingresso sull’Italia, in particolare sul settore centro-settentrionale”. Cosa ne deriverà? Che il fronte freddo porterà piogge in pianura e nevicate sulle Alpi, oltre che ovviamente temperatura in forte diminuzione (soprattutto da domenica), seppure con un calo termico sempre meno accentuato spostandosi verso il Meridione. In ogni caso gli esperti di 3bmeteo tengono a sottolineare che le previsioni meteo da qui ai prossimi giorni contengono un margine d’errore non trascurabile. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori