DUE CANI SPOSATI/ La storia surreale dei due barboncini Simba e Yasi

- Francesco Agostini

Due cani uniti in matrimonio, i due barboncini Simba e Yasi si sono detti di sì dopo una rapida frequentazione. Al matrimonio c’era la padrona e qualche curioso. 

Due_cani_uniti_in_matrimonio
Due cani uniti in matrimonio (Wikipedia)
Pubblicità

In un periodo della storia umana in cui i matrimoni tra gli esseri umani sono in forte crisi, riprendono vigore invece quelli fra cani. Eh già, perché se tra esseri umani le cose vanno sempre peggio (le separazioni e i divorzi sono in un preoccupante aumento) quelli fra cani sembrano andare benissimo. A gonfie vele. La storia è di quelle surreali e alquanto bizzarre ma incredibilmente reali. Al Parco Mille luci di Sant’Antonio Abate è andata in scena l’unione tra due barboncini, Simba e Yasi, che hanno giurato fedeltà reciproca (andiamo a intuito, in realtà al massimo si sarà sentito un affettuoso ‘bau’) davanti ai padroni emozionati e a qualche curioso. Il matrimonio è stato celebrato iin piena regola con i croccantini a forma di cuore, il lancio del riso, l’abito nuziale e la festa; i padroni di Simba e Yasi, insomma, non si sono fatti mancare davvero nulla. Le nozze, a dir la verità, sono state in qualche modo obbligate: il barboncino Simba aveva ingravidato Yasi dopo essere stato amorevolmente accolto in casa da una donna di nome Rosa. Non scherziamo: l’onore della barboncina era in serio pericolo…

Pubblicità

I PRECEDENTI

Non crediate che quello tra Simba e Yasi sia una novità originale: in realtà il matrimonio tra cani (così come quello tra gatti) è una tendenza che da anni si è affermata stabilmente negli Stati Uniti d’America. Qualche anno fa è arrivata anche in Italia; a San Zenone degli Ezzelini due cocker si erano giurati reciproca fedeltà (ma non ci giureremmo) dopo una sfarzosa cerimonia. Pensate che a Milano dal 2010 esiste anche una vera e propria agenzia matrimoniale canina, chiamata ‘Prince and Princess’. Sì, avete capito bene: un’agenzia matrimoniale canina, dove le foto dei cani in cerca della loro ‘anima canina gemella’ sono esposte in vetrina. Questi matrimoni avvengono realmente (no, non è uno scherzo) e sono regolamentati da precisi punti, un po’ come i contratti prematrimoniali targati U.S.A.. Ad esempio, i due cani dovranno vivere assieme quantomeno due giorni alla settimana e se nasceranno dei cuccioli, questi dovranno stare con la mamma e non con il papà. Il mantenimento dei cuccioli, invece, spetterà ad entrambi i padroni dei cani. Al momento il divorzio non è previsto, ma… stiamo a vedere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori