Rodolfo Matarese vive nella cantina del Palio/ Livorno: l’appello dell’86enne che cerca casa (Pomeriggio 5)

- Niccolò Magnani

La storia di Rodolfo Matarese, vive nella cantina del Palio Marinario di Livorno: un’amicizia cambia tutto e aiuta un pensionato 86enne senza casa. L’appello a Pomeriggio 5

rodolfo_pensionato_palio_livorno_cantina_facebook_2017
La storia del pensionato aiutato da un'amicizia (Facebook)
Pubblicità

Una storia molto particolare verrà raccontato oggi da Pomeriggio 5 che entrerà nella cantina del Palio di Livorno dove da qualche mese vive un 86enne, Rodolfo Matarese, che da mesi ormai sta cercando un luogo dove vivere dopo una vita di sacrifici e lavoro per poter dar da mangiare alla sua famiglia. Come spiega il sito di Gare Remiere di Livorno, «Da tre mesi nella cantina del Palio Marinaro c’è un nuovo custode. Stiamo parlando di Rodolfo Matarese, un pensionato di 86anni che dopo una vita di lavoro e sacrifici, la scorsa estate è rimasto senza casa. Ed grazie all’impegno di Giancarlo Mariotti e alla disponibilità del presidente Maurizio Quercioli se Rodolfo ha avuto un posto dove dormire in questi ultimi tre mesi». La storia viene raccontata dallo stesso 86enne, grato all’associazione per il sostegno e l’aiuto e per nulla rassegnato al suo futuro: «Sono nato a Livorno il 29 settembre del 1931 – racconta – e finita la guerra ho iniziato a fare l’imbianchino. Poi vinsi il concorso per entrare all’Svs e ho fatto il milite fino al 1991. L’ultimo servizio che ho fatto, tra l’altro, è stato quello per la strage del Moby Prince. Anzi, sarei già dovuto andare in pensione, ma mi richiamarono appositamente per prestare servizio». Non si è mai sposato, ha vissuto con genitori, sorella e cognato, ma ora è solo, tutti mancati negli scorsi anni lasciando un vuoto non solo affettivo nella vita di Rodolfo.

Pubblicità

POMERIGGIO 5 ENTRA NELLA CANTINA

«La casa in cui vivevo in affitto in via Provinciale Pisana è stata venduta e il nuovo proprietario ha chiesto una cifra troppo alta, che non mi potevo più permettere. Perciò ho dato via tutto quello che avevo e sono uscito di casa», racconta ancora il pensionato al profilo Facebook del Palio livornese. Poi un’amicizia cambia tutto, una solidarietà inattesa che come spesso capita davanti al rigido inquadramento della burocrazia mostra il vero lato umano della società italiana, in questo caso livornese: «Frequentavo il circolo anziani in via Don Albertario in Corea e lì ho incontrato Giancarlo. Lui ha parlato con Maurizio e mi hanno accolto nella cantina del Palio marinaro». Da fine luglio vive lì e oggi proverà a raccontare la sua storia davanti alle telecamere di Pomeriggio 5: la richiesta di aiuto continua anche perché finora, a parte qualche topo, di veri problemi non ce ne sono stati, ma con l’arrivo dell’inverno la situazione di questo ultrapensionato non può certamente andare avanti in questo modo. «Io vorrei andare via perché questo non è un posto dove vivere. E soprattutto perché non è giusto che stia qui. Vorrei stare in una casa, mi basta anche una stanza dove dormire e un bagno. A pagamento, ovviamente. Ma con un affitto adeguato alla mia pensione. Altrimenti non ce la faccio». L’appello è scattato, il Palio di Livorno si sta attivando come tutta la città e la speranza è che si possa arrivare ad una soluzione nel più breve tempo possibile.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori