Cadavere di una donna in fossa biologica/ Bergamo, fratello gravemente ferito: sarebbe il presunto assassino

- Emanuela Longo

Cadavere di una donna in fossa biologica, scoperta choc nella provincia di Bergamo: un uomo avrebbe ucciso la sorella 72enne e tentato di occultarne il cadavere.

omicidio_incidente_carabinieri_1_lapresse_2017-1
Arrestata la compagna del boss Buccarella

Di Franca Locatelli, una donna di 72 anni di Filago, in provincia di Bergamo, non si sapeva più nulla da ieri pomeriggio e per questo motivo erano state avviate le ricerche che però si sono concluse oggi in modo drammatico. Il suo cadavere è infatti stato rinvenuto poco dopo mezzogiorno in via Cantacucco, all’interno di una fossa biologica. A riportare l’inquietante scoperta è il sito Leggo.it, che spiega come il luogo del ritrovamento sia esattamente di fronte all’abitazione dell’anziana senza vita. I primi rilievi compiuti sul corpo non lascerebbero dubbi al fatto che si sia trattato di un omicidio. Per motivi ancora poco chiari, anche il fratello della vittima risulterebbe essere gravemente ferito alla testa ed attualmente si trova ricoverato in attesa di maggiori chiarimenti sulla dinamica dell’accaduto. Dopo la scoperta choc, gli uomini dei carabinieri sono prontamente giunti sul luogo del ritrovamento ed avviato le indagini che, dalle prime indiscrezioni, sarebbero concentrate proprio sui parenti della 72enne e nello specifico sul fratello ferito. Per il recupero del corpo della 72enne si sarebbe reso necessario l’impiego di una ruspa.

SI INDAGA PER OMICIDIO: LITE TRA I DUE FRATELLI?

Stando ad una prima ricostruzione, il fratello della vittima, Pierantonio Locatelli, in seguito ad una violenta lite avrebbe ucciso Franca e poi tentato di occultare il suo cadavere poi rinvenuto in una fossa biologica poco distante dalla sua abitazione, parzialmente ricoperto da foglie. Gli uomini dell’Arma che stanno conducendo le indagini, starebbero accertando le dinamiche di quanto accaduto: non è ancora chiaro se l’uomo abbia spinto la sorella facendola quindi cadere o se l’abbia precedentemente colpita intenzionalmente. Questo porterà a dire se si sia trattato di un omicidio preterintenzionale o volontario. Sarebbe comunque esclusa la tesi dell’incidente e si procede, dunque, sulla pista dell’omicidio, con un presunto assassino che, a questo punto, sarebbe già stato rintracciato. L’uomo, rinvenuto questa mattina nel garage di casa e privo di sensi, viene descritto dai vicini molto violento. Non si esclude che a causa dell’alcol sia potuto cadere e battere la testa. Dopo aver subito un’operazione, si trova attualmente ricoverato in prognosi riservata all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo. I due fratelli vivevano nella medesima abitazione insieme ad una terza sorella disabile e costretta a letto e pare che tutti e tre abbiano problemi mentali.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori