Denise Pipitone è ancora viva?/ Una foto lo proverebbe: caso nuovamente riaperto

- Silvana Palazzo

Denise Pipitone, ultime notizie sulla bambina scomparsa a Mazara del Vallo nel 2004: è ancora viva? Una foto potrebbe provarlo: caso nuovamente riaperto. Possono emergere piste importanti…

denise_pipitone_quarto_grado_01
Denise Pipitone, ultime notizie

Denise Pipitone é viva: una foto lo dimostra”. Il colpo di scena è firmato da Spy ed è clamoroso: il settimanale di Alfonso Signorini si è occupato della bambina scomparsa a Mazara del Vallo il primo settembre del 2004. Da allora le indagini sono state chiuse e aperte diverse volte, ma non c’è mai stato modo di fare chiarezza sulla sparizione della piccola Denise. Si è ipotizzato un coinvolgimento della sorellastra Jessica Pulizzi, assolta però per mancanza di prove dalla Cassazione nell’aprile di quest’anno. Ora, dunque, a ridare speranza ai genitori di Denise Pipitone è una foto, che recentemente è stata mostrata anche da Chi l’ha visto?. Nello scatto in questione è ritratta una bambina molto simile a Denise, ma non si sa ancora quando è stata scattata questa foto e se sia davvero ritratta la bambina scomparsa. L’avrebbe inviata un anonimo alla redazione del programma e ai carabinieri ipotizzando che si tratti proprio di Denise Pipitone. Alla luce di questa nuova segnalazione, anche l’avvocato della famiglia ha avviato gli accertamenti, sotto la spinta della signora Piera Maggio. La mamma della piccola resta in prima linea per il ritrovamento della figlia.

DENISE PIPITONE, POSSONO APRIRSI PISTE IMPORTANTI

A riaccendere le speranze dei familiari di Denise Pipitone non è solo la foto in questione, ma anche alcune impronte. La Procura della Repubblica starebbe infatti indagando su alcuni frammenti di un’impronta che risultano interessanti dal punto di vista investigativo. Erano stati rilevati all’epoca dei fatti in diversi luoghi, ma nuovi sistemi e tecnologie potrebbero permettere agli investigatori di analizzare nuove tracce di Dna per capire cosa sia veramente accaduto alla bambina. “Questo materiale si può analizzare dal punto di vista biologico non solo dattiloscopico e darci l’esito del Dna”, ha dichiarato nei giorni scorsi Luigi Ripani, comandante dei RIS di Messina, ai microfoni di Pomeriggio 5. Le impronte appartengono a Denise? Eventualmente si potrebbe chiarire in quali posti e con chi è stata la bambina prima di sparire nel nulla. Si aprono dunque scenari importanti per la famiglia della piccola scomparsa a Mazara del Vallo tredici anni fa, ma bisogna valutare se quest’informazione fotografica sia utile o se sia opera di qualche mitomane. Due anni fa, infatti, circolò la notizia di un avvistamento di Denise a Tito, in Basilicata, insieme ad una nuova famiglia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori