SAN GOFFREDO/ Santo del giorno, l’8 novembre si celebra il vescovo di Amiens

- La Redazione

L’8 novembre si celebra San Goffredo di Amiens. Nel 1104 per i suoi meriti fu acclamato vescovo di Amiens dal popolo, dai nobili e dal re. Morì nel 1115.

croce_pixabay_2017
Pixabay

L’8 novembre viene celebrato San Goffredo di Amiens. Goffredo nacque a Moulincourt nel 1066 da una ricca famiglia. Presso l’Abbazia di Mont Saint Quentin acquisì una preparazione spirituale tale che lo portò a diventare un monaco molto austero. Era assai devoto ai santi calzolai Crispiniano e Crispino e ogni 25 ottobre si recava presso il monastero a loro intitolato, a Soissons, per pregarli. Divenuto sacerdote prima e abate poi presso il Monastero di Nogent, esercitò la sua missione con zelo e integrità morale. Il suo comportamento portò i feudatari e il re a eleggerlo vescovo di Amiens: per l’occasione, a dispetto della considerazione dei vescovi come potenti signori, entrò in città scalzo e vestito da semplice pellegrino. La sua opera fu scritta nel suo nome, che anticamente era Gottifredo il cui significato era “pace di Dio”: una eccezione rispetto al resto dei nomi germanici ispirati maggiormente al paganesimo e alla guerra. Goffredo fu infatti un vescovo attento ai poveri e agli emarginati, combatté le violazioni al celibato, invitò i ricchi signori all’umiltà e ristabilì la pace all’interno della stessa chiesa. I nemici della sua opera riformatrice dunque non mancarono, non solo nel mondo civile ma anche all’interno dello stesso clero: si cercò persino di avvelenare il vescovo, che però si salvò miracolosamente in quanto il veleno uccise accidentalmente il suo cane.  Venne il momento anche per Amiens di rivendicarsi come comune libero, lontano dall’oppressione dei ricchi feudatari. Nonostante i vescovi appoggiassero la ricchezza dei feudatari, Goffredo sostenne il popolo. Da questa diatriba ne uscirono vincitori ancora una volta i feudatari. Per lui dunque era una salvezza il suo solito pellegrinaggio a Soissons per la festa dei santi calzolai: e così vi si recò il 25 ottobre del 1115. Ma ripartendo da questo santo luogo Goffredo si ammalò e qui spirò l’8 novembre. Nella sua amata abbazia dei santi Crispino e Crispiniano fu sepolto e canonizzato quattro secoli dopo. San Goffredo di Amiens viene festeggiato in provincia di Cuneo, a Saluzzo di cui è patrono, con processioni, festeggiamenti e celebrazioni eucaristiche.

ALTRI SANTI

L’8 novembre sono festeggiati anche i santi Villeado di Brema V, Severo di Cagliari, Chiaro di Tours, i Santi della Chiesa di Bologna, Quattro Coronati, Ugo di Glazinis, Adeodato I e i beati Giovanni Jover e Pietro Escribà, Antolín Pablos Villanueva, Giovanni Duns Scoto, Nicolò da Bologna dei Pepoli, Filippa Ghisileri, Maria Crocifissa Satellico, Isaia Boner da Cracovia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori