ONG PRO LIFE CONTRO IL PAPA/ Lettera choc: “disubbiditegli, ha ceduto alla cultura della morte”

- Paolo Vites

Il papa e le più alte gerarchie della Chiesa cattolica accusati di seminare errori contro l’insegnamento tradizionale della Chiesa su sessualità, aborto e matrimonio

papa_myamnar
Foto Pixabay

“L’insegnamento immutabile della Chiesa cattolica è stato statuito negli anni recenti da ambiguità, e da dottrine direttamente contrarie all’insegnamento di Cristo e dei precetti della legge naturale”: è una delle accuse contenute in una lettera firmata da alcuni leader di movimenti pro life di tredici nazioni nei confronti delle massime autorità della Chiesa incluso il papa. La notizia è riportata dal sito cattolico inglese Catholic Herald, che inizia l’articolo dicendo che secondo questi leader la Chiesa ha messo in disparte i movimenti pro life “con azioni contrarie all’insegnamento cattolico”. Vengono segnalati alcuni firmatari, solo quelli di movimenti inglesi e irlandesi come John Smeaton della Society for the Protection of Unborn Children (SPUC), Greg Clovis del Family Life International UK, e il Dr Thomas Ward del National Association of Catholic Families, mentre quelli irlandesi sarebbero Patrick Buckley dell’European Life Network, John Lacken del Legio Sanctae Familiae e Lumen Fidei Institute, e Anthony Murphy del Catholic Voice.

In particolare John Smeaton accusa il papa di aver disseminato errori: “Negli ultimi due anni papa Francesco e le autorità vaticane sono capitolati davanti alla cultura della morte sostenendo i documenti dell’ONU a favore dell’aborto e promuovendo le lobby dell’educazione sessuale internazionale attraverso l’Amoris Laetitia e il programma di educazione sessuale pornografica del Concilio pontificio per la Famiglia”. Per queste ragioni, viene detto ancora, “il movimento pro ife non può nascondere la testa nella sabbia e ignorare quello che sta succedendo ai più alti livelli della Chiesa”. Tra le accuse, quella di azioni del papa che “contraddicono gli insegnamenti della Chiesa a proposito del male intrinseco nella contraccezione, gli insegnamenti della Chiesa sulla natura del matrimonio e il male intrinseco negli atti sessuali fuori del matrimonio”. L’accusa più forte è quella che chiede ai sacerdoti e ai vescovi di “non collaborare alla disseminazione di errori che sono tragicamente diffusi da papa Francesco”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori