Vuole farsi suora, la famiglia la rapisce/ Milano, la drogano per farla salire in auto: passanti chiamano 112

- Silvana Palazzo

Milano: vuole farsi suora, la famiglia la rapisce. La drogano per farla salire in auto: passanti chiamano 112 e la salvano. Le ultime notizie sul tentativo di rapimento

carabinieri_lapresse_2017
Carabinieri (LaPresse)

Il padre e il fratello di una donna di Avellino sono stati arrestati a Milano con l’accusa di aver sequestrato la loro congiunta per impedirle di farsi suora. I due uomini avevano provato a caricare con la forza la giovane nell’auto per riportarla proprio nella provincia di Avellino. Sono intervenuti gli agenti della volante del Commissariato Comasina in va Pantaleo dopo la segnalazione di un’aggressione al 113. La madre risulta invece indagata perché ha aiutato il marito e il figlio somministrando in casa un sonnifero alla figlia, che così è stata stordita. La ragazza, nonostante fosse stata drogata, è riuscita a divincolarsi dalla presa del padre e del fratello, urlando ai passanti per chiedere aiuto. Dopo una rapida indagine dei poliziotti del Commissariato Comasina, coordinata dal sostituto procuratore David Monti, è stato convalidato l’arresto dei due avellinesi per sequestro di persona. È successo venerdì scorso ma i fatti sono stati resi noti solo oggi. 

VUOLE FARSI SUORA, LA FAMIGLIA LA RAPISCE

Vuole farsi suora, ma la sua famiglia è contraria: così padre e figlio hanno sequestrato la giovane figlia e sorella. Il fatto è accaduto il 22 dicembre, alla Bovisa, un quartiere di Milano. Alcuni passanti avrebbero assistito alla scena e segnalato al commissariato di Comasina, spiegando che due uomini stavano trattenendo con forza una giovane, vicino ad un’auto, «comprimendole la libertà di movimento», come riportano gli atti della polizia. Gli agenti, giunti in soccorso della ragazza, hanno impiegato un po’ di tempo per capire esattamente che cosa stesse succedendo. Il commissariato di Comasina sta proseguendo con le indagini per capire se è davvero questo il motivo del simile gesto, o se la vicenda subita dalla giovane nasconda altri maltrattamenti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori