INVALSI E BANDO ATA/ Concorsi pubblici: graduatorie III fascia, valutazione delle certificazioni informatiche (Oggi, 1 febbraio 2017)

- La Redazione

Invalsi e Bando Ata 2017, Concorsi pubblici: bandi per osservatori esterni, chi può presentare domanda. Oggi, 1 febbraio 2017, ultime notizie in aggiornamento in tempo reale

Scuola_Classe_InsegnanteR439
Immagini di repertorio (Foto: LaPresse)

Riguardo al Bando Ata 2017 chi attende la pubblicazione del concorso chiede anche come saranno valutate le certificazioni Informatiche e Digitali nelle graduatorie di circolo e di istituto di III fascia del personale ATA, con il relativo punteggio per singolo profilo professionale. A chiarire come avverrà la valutazione di queste certificazioni è OrizzonteScuola. E’ questa la corretta valutazione dei “Corsi di operatore informatico”. Per i profili di assistente amministrativo e assistente tecnico, le sole certificazioni informatiche da valutare sono: ECDL livello core 1,00 Punti; ECDL livello Advanced 1,10 Punti; ECDL livello Specialised 1,20 Punti; NUOVA ECDL livello base 1,00 Punti; NUOVA ECDL livello Advanced 1,10 Punti; NUOVA ECDL livello Specialised/Professional 1,20 Punti; MICROSOFT livello MCAD o equivalente 1,00 Punti; MICROSOFT livello MCSD o equivalente 1,10 Punti; MICROSOFT livello MCDBA o equivalente 1,20 Punti; EUCIP 1,20 Punti; EIPASS 1,20 Punti; IC3 1,20 Punti; MOUS 1,20 Punti; CISCO 1,20 Punti; PEKIT 1,20 Punti; Per i profili di cuoco, infermiere, guardarobiere, addetto alle aziende agrarie e collaboratore scolastico le sole certificazioni informatiche da valutare sono: ECDL livello core 0,50 Punti; ECDL livello Advanced 0,55 Punti; ECDL livello Specialised 0,60 Punti; NUOVA ECDL livello base 0,50 Punti; NUOVA ECDL livello Advanced 0,55 Punti; NUOVA ECDL livello Specialised/Professional 0,60 Punti; MICROSOFT livello MCAD o equivalente 0,50 Punti; MICROSOFT livello MCSD o equivalente 0,55 Punti; MICROSOFT livello MCDBA o equivalente 0,60 Punti; EUCIP 0,60 Punti; EIPASS 0,60 Punti; IC3 0,60 Punti; MOUS 0,60 Punti; CISCO 0,60 Punti; PEKIT 0,60 Punti.

Sono già iniziate le procedure per la prova Invalsi 2017 che impegnerà gli studenti la prossima primavera. Intanto gli Uffici scolastici regionali stanno pubblicando, come riferisce OrizzonteScuola, i bandi per il reperimento degli osservatori esterni nelle classi campione. Tra le varie categorie di dirigenti e docenti che possono presentare domanda “sarà data precedenza al personale in servizio rispetto a quello in quiescenza, da non più di tre anni, e, a parità di altri elementi, al candidato più giovane”. Inoltre sarà possibile selezionare gli osservatori “tra giovani laureati e diplomati, con preferenza per chi già risulta iscritto nelle graduatorie per l’insegnamento provinciali o d’Istituto”. Gli osservatori esterni della prova Invalsi 2017 dovranno “garantire la corretta applicazione del protocollo di somministrazione delle prove ed effettuare l’inserimento delle risposte alle prove su apposita maschera elettronica (foglio elettronico)”: questi fogli saranno poi consegnati alla segreteria della scuola per il successivo inoltro sul sito Internet dell’Invalsi.

In questi giorni l’attenzione, oltre che ai concorsi pubblici, è rivolta anche alle procedure per le prove Invalsi e al Bando Ata 2017 che dovrebbe essere pubblicato questo mese. Per quanto riguarda le graduatorie III fascia Ata OrizzonteScuola risponde ai dubbi circa la valutazione del servizio presso un Ente di Formazione Professionale. Agata chiede infatti un chiarimento su come calcolare il punteggio: “lavoro presso un Ente di Formazione Professionale da 12 anni con contratto a tempo indeterminato e per 10 anni circa ho lavorato come Amministrativo nei corsi dell’Obbligo Formativo. Vorrei sapere come viene calcolato il punteggio per rinnovare la richiesta di Assistente Amministrativo, dato che nel precedente bando 2014, il punteggio dal sindacato calcolato nella richiesta mi è stato dimezzato in fase di valutazione”. Nella risposta si legge che “Il servizio da valutare è solo quello prestato alle dirette dipendenze delle Amministrazioni Statali o EE.LL, cioè il servizio che determina un rapporto di lavoro mediante la stipula di contratti sottoscritti ai sensi di specifiche norme contrattuali del CCNL dei richiamati comparti. Appurate le condizioni sopra menzionate, potrà essere valutato 0,60 punti per ogni anno ovvero per ogni mese o frazione superiore ai 15 gg. punti 0,05 (fino a un massimo di 0,60 per ciascun A.S.)”.

Periodo di pubblicazione di bandi per concorsi pubblici e non solo. In vista della prova Invalsi 2017 infatti gli Uffici scolastici regionali iniziano a pubblicare, riferisce OrizzonteScuola, i bandi per il reperimento degli osservatori esterni nelle classi campione durante lo svolgimento dei test. La prova Invalsi è una prova scritta che ha lo scopo di valutare i livelli di apprendimento degli studenti al terzo anno della scuola secondaria di primo grado. Per quanto riguarda gli osservatori esterni possono presentare domanda anche laureati e diplomati, con preferenza per chi già risulta iscritto nelle graduatorie per l’insegnamento provinciali o d’Istituto, con preferenza per chi già risulta iscritto nelle graduatorie per l’insegnamento provinciali o d’Istituto. Ecco chi sono tutti coloro che possono presentare domanda per la prova Invalsi 2017: Dirigenti Tecnici; Dirigenti Scolastici; Docenti collaboratori del Dirigente Scolastico; Docenti incaricati dello svolgimento di funzioni strumentali, con precedenza per quelli incaricati dello svolgimento di funzioni attinenti alla valutazione degli apprendimenti; Docenti comandanti presso gli USR, articolazioni territoriali USR, INDIRE; Docenti esperti già utilizzati in precedenti rilevazioni o coinvolti con compiti di formatori o di tutor dei seminari di sensibilizzazione alle indagini OCSE – PISA; Docenti somministratori nelle scuole campionate nell’ambito dell’indagine OCSE – PISA; Docenti somministratori nelle scuole campionate nell’ambito delle indagini IEA – PIRLS E IEA – TIMSS; Docenti con contratto a tempo indeterminato; Docenti con contratto a tempo determinato; Docente Laureato/diplomato.

C’è attesa per la pubblicazione, tra i concorsi pubblici, del Bando Ata 2017 per la selezione di 10.294 tra bidelli e assistenti oltre alle 507 assunzioni di profili DSGA, personale amministrativo e tecnico accantonati in precedenza. Intanto, come riferisce OrizzonteScuola la Flc Cgil ha lanciato una raccolta firme al fine di recuperare “2020 posti tagliati”. In questi ultimi anni infatti il personale Ata è stato oggetto di tagli e di divieti per quanto riguarda le supplenze brevi: “i dirigenti non possono nominare supplenti in sostituzione degli assistenti tecnici; possono nominare supplenti in sostituzione degli assistenti amministrativi, solo nel caso in cui in organico di diritto ci siano meno di tre posti (con il dimensionamento quante scuole hanno meno di 3 assistenti amministrativi?); non possono nominare supplenti in sostituzione dei collaboratori scolatici per i primi 7 giorni di assenza (tranne in casi di necessità)”. Ecco quindi una nuova protesta sulla situazione degli organici Ata in vista della pubblicazione del Bando Ata 2017, atteso per questo mese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori