AEROPORTO AMBURGO / Intossicate 68 persone, inquirenti smentiscono attentato (Ultime notizie oggi, 12 febbraio 2017)

- La Redazione

Aeroporto Amburgo, ultime news: sostanza urticante provoca intossicazione di 68 persone, è giallo sulle cause. Inquirenti escludono attentato terroristico.

Aereo_aeroporto_alitaliaR439
Immagini di repertorio (Lapresse)

Brutto episodio, quello avvenuto oggi presso l’aeroporto di Amburgo, dove 68 persone sono rimaste intossicate a causa di uno spray urticante. A darne notizia è il quotidiano Corriere.it, secondo il quale lo sprigionamento dello spray sarebbe dovuto ad un malfunzionamento degli impianti di climatizzazione. Le 68 persone colpite avrebbero accusato problematiche legate alle vie respiratorie con bruciori agli occhi ed alla gola. Per tale ragione alcune di loro sono state portate in pronto soccorso per i dovuti accertamenti. Inizialmente è emersa inevitabilmente l’ombra dell’attentato terroristico ma a smentire questa pista sarebbero stati gli stessi inquirenti i quali stanno attualmente indagando sulle cause che tuttavia restano ancora sconosciute. I media tedeschi intanto avrebbero diffuso un’altra possibile teoria: pare infatti che in un cestino dell’aeroporto di Amburgo sia stata trovata una confezione di gas al peperoncino o di una sostanza simile, diffusasi a causa del sistema di aria condizionata che ha così portato a far sprigionare le particelle irritanti respirate dalle oltre 60 persone rimaste intossicate. Subito dopo l’allarme, l’aeroporto di Amburgo è stato chiuso per un’ora, dalle 12:32 alle 13:45, con il relativo traffico aereo totalmente interrotto. Successivamente, in seguito al rientro dell’allarme tutto sembra essere tornato alla normalità, con l’apertura dell’aeroporto al pubblico. Karen Stein, portavoce dello scalo, ha tuttavia ritenuto opportuno cancellare i voli almeno fino alle 14:00 di questo pomeriggio. Questo ha portato al coinvolgimento di ben tredici aerei, due dei quali sono stati dirottati a Brema, mentre gli altri sono rimasti bloccati in seguito all’emergenza sulla pista o in volo sullo scalo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori