ANGELUS / Video, Papa Francesco: “odio e ingiurie spesso anticamera degli omicidi” (oggi, 12 febbraio 2017)

- La Redazione

Angelus di Papa Francesco, oggi 12 febbraio 2017: le parole di Bergoglio da piazza San Pietro, “odio e ingiurie anticamera degli omicidi. I tre comandamenti ricordati dal Papa oggi

Papa_Francesco_Bergoglio_angelus
Angelus Papa Francesco (Foto: LaPresse)

Durante la mattinata della giornata di oggi, 12 Febbraio 2017, si è svolto in Piazza San Pietro l’Angelus di Papa Francesco. Migliaia di fedeli si son radunati intorno alla piazza, pronti per assistere ed ascoltare le parole di Papa Francesco. Per coloro i quali si fossero persi la diretta, riportiamo qui sotto il link ufficiale dell’Angelus di oggi. Il Papa incomincia la liturgia leggendo il Vangelo di Matteo, “Il Discorso della Montagna”: in tale discorso, si racconta di come Gesù predicasse il proprio sacramento alle genti, di diversa credenza e cultura, indicando quali fossero le finalità effettive della “legge di Dio”. Gesù adempie ai propri doveri perché vive per questo, proprio per la sua totale predicazione che sacrifica se stesso in croce. In questo modo, afferma Papa Francesco, Gesù rende nota la propria volontà, parlando appunto di giustizia superiore. La giustizia, tuttavia deve essere motivata da sentimenti positivi quali amore, gioia, misericordia, attraverso essa sono stati fatti i comandamenti.

I comandamenti, infatti, si basano sulla giustizia superiore, Papa Francesco attenziona ben tre aspetti: quelli riguardanti l’omicidio, l’adulterio e il giuramento. Analizziamo insieme il significato che Papa Francesco da a questi tre concetti. Per quanto riguarda l’omicidio, esiste a tal proposito tra i comandamenti uno che fa proprio al caso: Non uccidere. Papa Francesco non intende il solo atto di togliere la vita ad un nostro fratello, bensì anche il solo fatto di insultare qualcuno con delle brutte parole. Ribadisce inoltre che le ingiurie non sono tanto gravi quanto l’uccisione stessa di un’altra vita, ma si pongono comunque sulla stessa linea, anzi: si può tranquillamente dire che talvolta le ingiurie siano l’anticamera stessa dell’omicidio in se. Attraverso Gesù, il Papa ci invita a non stilare una graduatoria di quale sia l’ingiuria più offensiva, perché bisogna porle tutto sullo stesso piano: qualsiasi offesa può ferire il cuore di qualcun altro. Il Papa ricorda che ormai le offese sono all’ordine del giorno ed esorta i fedeli a non farlo.

In secondo luogo, Papa Francesco parla di un altro comandamento: non desiderare la donna altrui, quindi il tema centrale è l’adulterio. Salvo rari casi, un tempo l’adulterio era inteso come violazione della proprietà di un uomo, tuttavia l’adulterio possiede radici ben più profonde. Come tramite le ingiurie è possibile arrivare all’omicidio, allo stesso modo esponendo intenzioni di possesso nei confronti di una donna che non sia la propria moglie, è esso stesso adulterio. Papa Francesco intende che chi esprime queste intenzioni possessive già nel proprio cuore nei confronti di un’altra donna, è già una buona base da cui partire verso l’adulterio vero e proprio. L’adulterio viene associato al furto o al rapimento, non è meno grave di questi ultimi. Infine, Papa Francesco rilancia sul concetto del giuramento: Papa Francesco suppone che il giuramento è sintomo di sfiducia ed insicurezza, che nessun rapporto umano debba essere basato sui giuramenti. Non bisogna utilizzare il nome del Signore per ufficializzare rapporti.Piuttosto, è bene instaurare rapporti basati sulla fiducia reciproca, relazioni limpide in modo tale da essere ritenuti trasparenti proprio perché è la nostra natura, non tanto per un giuramento basato sulla giustizia superiore al fine di essere creduti: probabilmente in molti sbagliamo, senza nemmeno rendercene conto. Quindi, un rapporto pulito e lontano dalla diffidenza ed il sospetto, è la chiave per una relazione serena e felice. Infine, il Papa termina l’Angelus con una lode alla Vergine Maria, salutando anche diversi gruppi di fedeli tra la folla, ricordando ulteriormente i tre concetti base per una migliore spiritualità.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori