GENITORI CONTRO PROF DI RELIGIONE/ Due libri “troppo espliciti” consigliati a scuola media

- La Redazione

Genitori contro prof di religione a Nuoro: il docente ha consigliato due libri “troppo espliciti”. Chiesto l’allontanamento, ma ora valuta la denuncia per mobbing, calunnia e diffamazione

Scuola_Classe_InsegnanteR439
Immagini di repertorio (Foto: LaPresse)

Un professore di religione è finito nella bufera per aver parlato di sesso a scuola e per aver consigliato ai suoi alunni di acquistare due libri, da leggere a casa con i genitori, considerati “troppo espliciti”. Nell’occhio del ciclone è finito Giovanni Siotto, che insegna in diverse scuole medie della provincia di Nuoro. L’iniziativa del professore nell’ora di religione ha scatenato l’ira dei genitori, che sono corsi dal vescovo per denunciare il professore. Il 32enne aveva consigliato la lettura di “Ho 12 anni faccio la cubista mi chiamano Principessa. Storie di bulli, lolite e altri bimbi” e “Facciamolo a scuola” con l’obiettivo di far riflettere i suoi alunni e i suoi genitori sui modelli sbagliati, sulla superficialità dei rapporti e sul pericolo rappresentato dalla società dell’immagine. Le buone intenzioni di Giovanni Siotto evidentemente non sono state affatto apprezzate dai genitori, che si sono rivolti anche ai dirigenti scolastici per l’allontanamento del professore di religione.

Polemiche a Nuoro per le lezioni di educazione sessuale da parte del professore di religione Giovanni Siotto. Il vescovo ha affiancato la protesta delle famiglie: “Il professore ha sbagliato mestiere” ha dichiarato, come riportato dall’Ansa. Non è tardata ad arrivare la replica del docente: “Si è espresso senza conoscere i fatti, un pastore d’anime prima di esporsi deve conoscere ciò che è realmente accaduto”. Per Giovanni Siotto c’è sessuofobia tra i genitori, quindi parlare di questo argomento è ancora un tabù. Inoltre, le polemiche si fonderebbero sull’ignoranza. Ed è pronto al contrattacco: “Sto valutando di sporgere denuncia per mobbing all’ufficio scuola della diocesi di Nuoro perché si sono espressi senza conoscere i fatti”. Nel frattempo sono arrivati anche attestati di stima e solidarietà nei confronti del professore di religione. Ma non sono mancati i richiami: un ispettore scolastico ha fissato un incontro e si aspetta anche una contestazione. Siotto, però, resta tranquillo e valuta la replica per vie legali. Oltre a denunciare per mobbing, sta valutando anche di sporgere denuncia “per calunnia e diffamazione” contro “diverse persone che ricoprono ruoli diversi”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori