SEVERINO ANTINORI / Ginecologo condannato a tre anni e mezzo per estorsione, “pronto a ricorrere in Appello” (Oggi, 2 febbraio 2017)

- La Redazione

Severino Antinori, ultime news: il noto ginecologo è stato condannato a 3 anni e mezzo per estorsione. La reazione del medico dopo la decisione del tribunale di Roma.

severino-antinori
Severino Antinori

Riflettori nuovamente accesi su Severino Antinori, il ginecologo finito al centro della cronaca per l’accusa di aver espiantato ovuli ad una giovane spagnola, contro la sua volontà. Come riporta Repubblica.it, il noto pioniere della fecondazione assistita è stato condannato alla pena di 3 anni e sei mesi di reclusione per una presunta estorsione ai danni di una coppia la quale si era rivolta a lui per una gravidanza assistita. Secondo l’accusa, Severino Antinori avrebbe preteso in modo poco corretto il pagamento delle prestazioni sanitarie. Nel dettaglio, il medico era accusato di illeciti legati all’organizzazione di un viaggio in una clinica di Siviglia, dove una coppia di Campobasso si sarebbe sottoposta ad un trattamento di fecondazione assistita. Secondo la procura, il ginecologo aveva concordato con la coppia il pagamento di 30 mila euro. Prima della partenza, Antinori si sarebbe fatto consegnare 27 mila euro, dei quali 25 mila con assegni postdatati. Il medico avrebbe quindi minacciato la coppia di non farla partire e questo avrebbe potuto avere conseguenze sulle cure fino a quel momento eseguite. La condanna è giunta dopo un’ora di camera di consiglio, al termine della quale Severino Antinori è stato assolto dall’accusa di associazione per delinquere finalizzata alla commercializzazione di gameti e alla truffa. Al termine dell’udienza non è mancata la reazione del ginecologo che si è detto amareggiato ma allo stesso tempo combattivo: “Ho grande fiducia nella magistratura e sono pronto a ricorrere in appello, una volta lette le motivazioni, ma oggi è stata compiuta una mostruosità giuridica”, ha commentato il medico. A sua detta, sarebbe inesistente il reato per il quale è stato condannato.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori