SCIOPERO OGGI / 20 febbraio: appalti ferroviari in Umbria. Mercoledì 22 stop mezzi Atac a Roma (ultime notizie)

- La Redazione

Sciopero oggi, 20 febbraio 2017: appalti ferroviari in Umbria, mercoledì 22 febbraio stop mezzi Atac a Roma, ultime notizie e previsioni. Info, orari e novità: continua blocco taxi

roma_atac_trasportiR439
Sciopero mezzi (LaPresse)

Non ci sono particolari forme di sciopero nella giornata di oggi, lunedì 20 febbraio 2017 sull’intero territorio italiano, ma trattasi di una semplice “calma” prima della tempesta dei prossimi giorni con la città di Roma che sarà protagonista con ben scioperi mezzi nella Capitale, il più grave mercoledì prossimo 22 febbraio. Per la giornata di oggi invece qualche disagio potrebbe essere presente sulle linee ferroviarie dell’Umbria, per via di un’agitazione condotta dai sindacati Osr Filt-Cgil, Fit-Cisl, Salpas-Orsa per il personale degli appalti ferroviari Soc.Coopeservice, operante presso il lotto 2 della società Centostazioni Umbria. Effetti e disagi per i pendolari dovrebbero essere ridotti al minimo, al contrario invece della grave emergenza dello sciopero taxi nelle principali città italiane, Milano, Roma e Torino su tutte. La protesta anti-Uber sarà attiva almeno fino a domani compreso, con l’incontro al Ministero dei Trasporti tra sindacati e ministro Delrio: con oggi, siamo al quinto giorno consecutivo di sciopero praticamente selvaggio.

Si apre con oggi una settimana intensa e durissima per i pendolari romani: mercoledì 22 febbraio e venerdì 24 doppio sciopero di mezzi a Roma, con il rischio di una forte paralisi della circolazione specie per la giornata di dopodomani. Ad incrociare le braccia saranno i dipendenti Atac: lo sciopero durerà 4 ore, dalle 8.30 alle 12.30, e saranno a rischio tutte le linee gestite da Atac, come metro, bus e tram nelle ore allo sciopero fissato da FAISA-CONFAIL. Nessuna fascia di garanzia, dura solo 4 ore, e le corse della metropolitana non subiranno variazioni dall’inizio del servizio (5.30) alle 8.29 e dalle 12.31 fino alla fine della giornata. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori