PREVISIONI METEO/ Tempo stabile ma rischio nebbia: inquinamento in aumento (oggi, 21 febbraio 2017)

- La Redazione

Previsioni meteo, il tempo è stabile sul nostro paese ma è segnalato il rischio nebbia e l’inquinamento in aumento (oggi, 21 febbraio 2017) 

nuvole
Foto La Presse

E’ stabile il clima oggi sul nostro paese secondo le ultime previsioni del tempo elaborate da Meteo.it. Per la giornata di oggi sono previste condizioni di tempo generalmente stabile, anche se alcuni annuvolamenti sono segnalati al Nord e sulla Toscana settentrionale. Il cielo sarà in prevalenza poco nuvoloso o velato altrove. Questa mattina è prevista la presenza di nebbie sulla Pianura Padana, anche persistenti nella bassa pianura. E non è esclusa qualche locale precipitazione sul nord dell’Alto Adige. Per quanto riguarda le temperature sono indicate in rialzo, specie nei valori massimi che si attesteranno oltre la media di stagione, ad eccezione delle aree interessate da nebbie e nubi basse. Le previsioni del tempo segnalano anche un pericolo valanghe marcato e lo zero termico che sulle Alpi si porterà oltre 2500 metri.

E’ segnalata oggi alta pressione sull’Italia: l’anticiclone delle Azzorre determinerà giornate di tempo stabile sulle nostre regioni con però rischio nebbia e l’aumento dell’inquinamento. Il clima stabile è conseguenza appunto della debole area di alta pressione presente sul Mediterraneo, collegata proprio l’Anticiclone posizionato sull’Atlantico. Il clima però, secondo le previsioni del tempo di Meteo.it, sarà a tratti anche grigio a causa della formazione di nebbie o strati nuvolosi bassi. A nord dell’Anticiclone continueranno a verificarsi le perturbazioni atlantiche che, fino almeno a giovedì, non avranno alcuna influenza sul nostro Paese. Intanto la massa d’aria relativamente mite che accompagna questa fase determinerà un graduale aumento delle temperature: le massime in particolare si attesteranno su valori oltre la norma stagionale con picchi sui 20 gradi, mentre le minime all’alba resteranno ancora piuttosto basse.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori