DONNA SCOMPARE SU NAVE DA CROCIERA / Il marito fermato a Bologna, tentava di scappare con i figli (Ultime notizie oggi, 22 febbraio 2017)

- La Redazione

Donna scompare su nave da crociera, ultime news: il marito fermato a Bologna e ccusato di omicidio volontario e occultamento di cadavere. Indagini in corso.

polizia-macchina_R439
Immagini di repertorio

Potrebbe esserci una fine tragica dietro la scomparsa misteriosa di una donna su una nave da crociera nel Mediterraneo. Il giallo, raccontato nella giornata odierna da FanPage.it, ha inizio lo scorso 10 febbraio quando una donna cinese insieme al marito irlandese ed ai due figli minorenni sono saliti a bordo di una nave della Msc Crociere. Dieci giorni più tardi, quando la nave è rientrata a Civitavecchia, è stata segnalata la scomparsa della donna. Ad accorgersi dell’assenza della cinese sarebbe stato proprio il personale di bordo della Msc, accortosi che il numero delle persone sbarcate era inferiore rispetto a quelle salite. Da qui i necessari controlli che hanno portato ad individuare l’identità del passeggero mancante, relativa proprio alla turista cinese. Da quel momento sono partite le indagini al fine di capire come mai della donna non ci fosse traccia al porto di Civitavecchia, sebbene nessuno ne avesse denunciato la sua scomparsa. Nella giornata odierna è scattato un fermo a carico del marito irlandese, ora accusato di omicidio volontario e occultamento di cadavere. L’uomo è stato fermato a Bologna, nell’atto di fare rientro a casa insieme ai figli come se nulla fosse, lasciando così il nostro Paese. Secondo la ricostruzione avanzata dalla procura di Civitavecchia, l’irlandese avrebbe ucciso la donna cinese a bordo della nave da crociera, in mare aperto all’altezza di Genova, quindi avrebbe proseguito il viaggio indisturbato, senza procedere con regolare denuncia. Interrogato, al cospetto degli investigatori l’uomo e presunto assassino avrebbe fatto trapelare non poche contraddizioni che hanno contribuito ad alimentare la tesi iniziale della procura. Del corpo della donna, tuttavia, al momento non ci sarebbe traccia. Nella giornata di ieri, gli agenti della polmare di Genova hanno iniziato a raccogliere le prime testimonianze, ascoltando alcuni marittimi, su mandato della magistratura del Lazio.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori