GIUSEPPE BRUNO / Ucciso e dato in pasto ai maiali: arrestati dopo 13 anni i 4 presunti killer (Ultime notizie oggi, 22 febbraio 2017)

- La Redazione

Giuseppe Bruno, ultime news: tabaccaio di Villarosa scomparso 13 anni fa, arrestati i suoi presunti assassini. L’uomo sarebbe stato ucciso e dato in pasto ai maiali.

carabinieri_terrorismo_attentati_isis_1
Immagini di repertorio (LaPresse)

Colpo di scena nel caso di Giuseppe Bruno, il tabaccaio di Villarosa, in provincia di Enna, scomparso misteriosamente il 27 maggio 2004. A distanza di 13 anni, nella giornata di oggi sono scattate le manette a carico di quattro uomini, presunti assassini di Bruno, nell’ambito di un’operazione antimafia denominata “Fratelli di sangue” e che ha coinvolto gli uomini dei Carabinieri e della Mobile di Enna. I 4 arrestati sono accusati di omicidio e distruzione di cadavere aggravati dalla modalità mafiosa e di associazione di tipo mafioso. A darne notizia è il portale La Sicilia, che rivela come grazie alle indagini condotte dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Caltanissetta è stato possibile fare luce sulla scomparsa di Giuseppe Bruno, dietro la quale si celerebbe una fine terribile. La vittima sarebbe stata uccisa con l’applicazione del cosiddetto “metodo della lupara bianca”. Il tabaccaio, la mattina in cui fece perdere le sue tracce, era diretto a riscuotere un credito, ma fu invece ucciso e nel modo più tragico. Il suo corpo fu sezionato con una motosega, poi in parte bruciato in alcuni fusti di metallo ed in parte dato in pasto ai maiali. Il nome dell’operazione che ha portato all’arresto dei 4 presunti killer non a caso è definita “Fratelli di sangue”: i presunti responsabili dell’atroce omicidio, infatti, sono i fratelli Damiano, Amedeo e Maurizio Nicosia, insieme al cugino Michele Nicosia, tutti di età compresa tra i 51 ed i 60 anni. A loro carico le accuse sono gravissime e variegate: associazione mafiosa, con aggravanti specifiche, finalizzata a commettere omicidi, usura, traffico di sostanze stupefacenti, detenzione e porto abusivo di armi nonché ad acquisire la gestione o il controllo di attività economiche. I responsabili del delitto di Giuseppe Bruno e della distruzione del suo cadavere sarebbero Maurizio Nicosia ed il cugino. A permettere la ricostruzione di quanto avvenuto 13 anni fa e quindi all’arresto dei quattro presunti assassini è stato un collaboratore di giustizia, nonché diretto testimone della fine terribile del tabaccaio di Villarosa, consentendo così l’attesa quanto dolorosa svolta.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori